netflix

Netflix sta attraversando un periodo molto particolare a causa dei suoi abbonati che stanno eliminando il proprio abbonamento; secondo alcune notizie, i suoi clienti sono infuriati per le numerose serie televisive cancellate e hanno deciso di creare una sorta di protesta. La piattaforma di streaming online, ogni mese aggiunge nuove serie televisive e film di diverso genere ma per aggiungerli deve fare spazio sulla piattaforma; di conseguenza, eliminando numerosi contenuti multimediali ha scatenato i suoi amati e fedeli clienti.

I contenuti multimediali cancellati

La piattaforma di streaming online ha scatenato la furia di molti suoi abbonati, cancellando:

  • Come un tuono;
  • Un Natale australiano con i fratelli Koala;
  • I fratelli Koala;
  • Nel fantastico mondo di Oz;
  • L’Incredibile Hulk;
  • I guardiani del destino;
  • La furia dei titani;
  • Paul;
  • L’evocazione – The Conjuring;
  • Una festa che spacca;
  • Gravity;
  • V per Vendetta;
  • Il grande Gatsby;
  • Sherlock Holmes: Gioco di ombre;
  • Come ti spaccio la famiglia;
  • Gangster Squad;
  • Una notte da leoni 3;
  • Pacific Rim;
  • The Karma Killings;
  • Certamente, forse;
  • Hercules;
  • He-Man e i dominatori dell’universo;
  • Modern Family.
Leggi anche:  Netflix: torna a grande richiesta un mese di prova gratuito

Come potete notare, i contenuti cancellati sono molti e i clienti hanno voluto inviare un messaggio alla piattaforma che si trova costretta a fare spazio dal catalogo, se vuole inserire periodicamente nuovi film e serie tv.

Un altro argomento che ha fatto discutere molti consumatori sono i probabili aumenti sui tre abbonamenti mensili Netflix; secondo alcune voci, in America, la piattaforma streaming ha deciso di aumentare di qualche dollaro, gli abbonamenti:

  • L’abbonamento base prevede un costo di 8,99 Dollari;
  • L’abbonamento standard ha un costo di 12,99 Dollari;
  • L’abbonamento Premium prevede un costo di 15,99 Dollari.

Probabilmente anche in Italia aumenteranno i prezzi degli abbonamenti, dato che il servizio sostiene spese molto alte per i contenuti disponibili; siti ufficiali ancora non hanno confermato la notizia, difatti per il momento sono solo voci da corridoio.