5G prezzi Iliad TIM Vodafone Wind 3

I mesi da attendere sono ancora diversi, ma l’attesa è tanta e a tal riguardo anche l’impazienza di poter provare il 5G accresce negli utenti. Dopo un’iniziale silenzio stampa da parte di TIM, Wind Tre, Vodafone e Iliad, le prime informazioni iniziano a farsi strada e forse potrebbero non piacere a tutti quanti!
Durante il mese di dicembre, TIM e Vodafone hanno dato il via alla sperimentazione su campo. Il primo operatore, in collaborazione con Nokia, è riuscito a coprire l’intero stato di San Marino con dei ripetitori per questo standard, mentre Vodafone ha dato vita ad un’esperienza interattiva durante la finale di X Factor. La storia non finisce qua, però, infatti a Roma, presso le Terme di Diocleziano, è stato allestito un visore per la realtà aumentata che ha consentito ai turisti di ammirare le rovine al loro stato originario.

Il 5G è questo, ma anche ben altro: sappiamo benissimo che è definito l’Internet of Things per un motivo ben preciso; non di meno questo tipo di connessione permetterà di interconnettere tutti gli oggetti smart tra di loro portando la domotica ad un’implementazione totale.

Leggi anche:  2G, 3G, 4G e 5G: gli standard di rete rilasciano radiazioni pericolose

Purtroppo, ahimè, il nuovo standard per le connessioni mobili porta con sé anche due cattive notizie: non sarà economico come il 4G e bisognerà acquistare un nuovo smartphone per poterlo sfruttare. Per approfondire la questione smartphone potete fare riferimento a questo articolo. Per quanto riguarda le tariffe, approfondiamo subito il discorso.

Tariffe 5G: secondo gli analisti in Italia si partirà dai 30 euro

Secondo un’analisi molto veloce, gli operatori nazionali italiani saranno obbligati ad alzare i costi degli abbonamenti relativi a questa connessione. Come mai? Semplicemente perchè hanno investito 6,5 miliardi di euro per acquistare i blocchi in banda, a questi bisogna sommare anche i costi per creare e aggiornare le infrastrutture. Come appare evidente, applicare dei prezzi bassi significherebbe non recuperare neanche gli investimenti. Proprio per questo motivo, si presume che i futuri abbonamenti di TIM, Wind Tre, Vodafone e Iliad partiranno dai 30 euro e andranno a salire.