Le “fast radio bursts”, o FRB, sono brevi e intense esplosioni di onde radio che arrivano da molto lontano, al di fuori della nostra galassia. Nessuno sa cosa li causi, ma sono diversi da qualsiasi altra cosa abbiamo osservato. La loro unicità li rende un obiettivo primario per il rilevamento di dati rumorosi.

Un progetto SETI ha rivelato alcune onde radio in autunno, ma ora viene utilizzato un radiotelescopio nuovo di zecca chiamato CHIME. Il dispositivo punta a tutto il cielo e sceglie dove “guardare” usando un software. In un paio di articoli pubblicati oggi, i ricercatori dicono di aver trovato 13 nuovi FRB usando questo metodo.

Onde radio simili sono state trovate solo una volta in passato

Il telescopio non ha parti mobili. Utilizza l’elaborazione del segnale digitale per ‘puntare’ il telescopio e ricostruire da dove provengono le onde radio. Questo viene fatto usando algoritmi intelligenti e un paio di cluster di computer giganti che affiancano il telescopio e scrivono i dati in tempo reale , ha spiegato Kiyoshi Masui, scienziato del MIT.

Questo tipo di operazione definita dal software diventerà sicuramente più comune con l’aumentare della potenza di calcolo. Naturalmente, quello che tutti vorremmo è che queste onde siano navi spaziali o pianeti pieni di emittenti iperintelligenti che ci inviano segnali. È più probabile, però, che i potenti oggetti astrofisici abbiano maggiori probabilità di trovarsi in luoghi con caratteristiche speciali.

Supernova, buchi neri, quasar – ci sono un sacco di strani oggetti ad alta energia là fuori nell’universo. Gli FRB osservati di recente hanno esibito una lunghezza d’onda molto più bassa di quelli visti in precedenza, quindi sembra che ci sia una certa varietà.

Ma ciò che è ancora più raro degli FRB è la ripetizione degli stessi; solo uno è stato mai trovato, attraverso l’imponente array Arecibo a Puerto Rico. O almeno, fino a quando alcuni scienzati ne hanno individuati degli altri.