5G

A partire dal 2020 adattarsi alla tecnologia significherà dover spendere qualche soldo in più. A seconda dei gusti e dalle esigenze proprie, ogni italiano dovrà mettere mano al proprio portafogli, scegliendo cosa acquistare e come godere dei nuovi standard.

Digitale terrestre e connessione internet: quale preferiranno le persone?

Come noto, a partire dal 2020 in Italia giungeranno due nuovi standard: uno per il digitale terrestre (DVB T2) e uno per le connessioni mobili (5G). Il cambio delle frequenze del digitale terrestre avverrà proprio per liberare la banda a favore del 5G e questo obbligherà gli italiani a doversi per forza adattare al cambiamento. Se, infatti, a distanza di due anni una persona vorrà guardare un po’ di TV dovrà essere in possesso di un dispositivo capace di leggere il codec HEVC più recente. (i televisori prodotti negli ultimi due anni dovrebbero già supportarlo)

Leggi anche:  4G e 5G uccideranno il WiFi: analisi della situazione e nuovi studi

Ciò significherà dover acquistare un nuovo televisore? NI: se si desidererà farlo nessuno vi fermerà, ma nel caso in cui non si vogliano spendere troppi soldi, bisognerà acquistare un semplice decoder. Mentre questo acquisto sia sotto un punto di vista forzato, quello che si dovrà compiere per utilizzare il 5G rimarrà a discrezione dei gusti della persona. Oltre a dover attivare un’offerta apposita per questo standard, l’utente dovrà essere in possesso anche di uno smartphone di ultima generazione. Uscenti il prossimo anno, secondo diverse indiscrezioni questi nuovi terminali avranno dei costi più elevati e dovuti al nuovo chip implementato. Si parla di un aumento di qualche centinaia di euro.