errori-google

Google è indubbiamente una delle aziende più importanti quando pensiamo al mondo di Internet, con i suoi successi ma anche con i suoi fallimenti. Ha sviluppato software e hardware in diverse aree e in altre occasioni ha acquistato applicazioni che dominano i suoi segmenti. Ma no, non tutto ciò che Google lancia diventa oro.

Google è presente nelle nostre vite attraverso il motore di ricerca, attraverso la sua potente e-mail Gmail, la sua piattaforma video YouTube e il suo sistema operativo Android (il più utilizzato al mondo). Tuttavia, il gigante di Internet ha fatto degli errori che, forse, non tutti ricordano. Li vogliamo ripassare insieme?

 

Google Wave

Google Wave era una piattaforma che aspirava ad essere un social network. Lanciata per un piccolo gruppo di utenti alla fine del 2009, ha permesso di creare documenti e aggiunto molte altre opzioni per lavorare in squadra. Tuttavia, c’erano il suo uso era così confuso che gli utenti finirono per abbandonare il servizio. La società ha pagato per la sua stravaganza chiudendo il servizio alla fine del 2011, diventando uno degli errori più noti di Google.

 

Nexus Q

Nexus Q è un altro degli errori di Google. Lanciato nel 2012, era collegato a dispositivi Android per inviare film o musica agli altoparlanti o ai televisori. Era quindi compatibile con Google Play Music, YouTube e Google Play Movies e, sebbene ciò sembri stellare, essendo prodotto negli Stati Uniti, il suo prezzo di vendita era astronomico, ovvero 299 dollari, il che lo rendeva eccessivamente costoso. A questo dobbiamo aggiungere che non era possibile connettersi a Netflix, Spotify o qualsiasi altro servizio. La società ha rimosso rapidamente il dispositivo dal mercato.

 

Project Ara

Ricordate quel progetto che avrebbe permesso di comprare un kit per costruire il cellulare modulare? Bene, non esiste più. Project Ara di Google prometteva di lanciare un telefono che poteva essere costruito in modo da aggiornarlo acquistando nuove parti in seguito. La società ha mantenuto le aspettative per diversi anni, con ampi annunci di sviluppo. Tuttavia, dopo diversi ritardi, finalmente nel 2016 Google ha confermato le voci: il progetto era stato cancellato o messo in attesa e, fino ad oggi, non abbiamo avuto più notizie sull’applicazione di questa tecnologia.

Leggi anche:  Google sta ufficialmente chiudendo uno dei propri servizi

 

Google Glass

Google Glass è stato presentato al congresso degli sviluppatori di Google nel 2012. Una versione consumer è stata messa in vendita nel 2014, anche se in modo limitato. L’idea era buona e futuristica: avere tutte le informazioni mobili negli occhiali senza dover toccare il telefono. Tuttavia, il suo prezzo di 1.550 dollari era assurdo e proibitivo.

Un altro problema era che si potevano scattare foto e registrare senza che nessuno se ne accorgesse. Cosa che ha sollevato gli allarmi degli utenti. Le parodie su spionaggio e luoghi con avvisi che vietavano l’uso di Google Glass ai loro clienti non hanno aiutato. La versione consumer è stata così annullata nel 2015, sebbene nell’estate del 2018 Google abbia lanciato una versione solo per le aziende, con alcune limitazioni.

 

Google Plus: per alcuni il più grande errore di Google

Per alcuni lo è: uno dei peggiori errori di Google. Google Plus è nato nel 2011 e sembrava un’opzione perfetta per poter lasciare Facebook e, allo stesso tempo, condividere i propri interessi. Tuttavia, Google non è riuscito nel suo tentativo. Nel 2012, ci ha obbligato a creare un account con ogni email, qualcosa che non è andato molto a genio. Successivamente, la società ha dissociato il social network di YouTube e, nell’ottobre 2018, dopo un problema di privacy, la società ha annunciato la sua chiusura, che sarà effettiva nell’agosto 2019.