google

Gruppi di consumatori in sette paesi europei diversi hanno presentato reclami al GDPR contro il rilevamento della posizione di Google (tramite Reuters). L’Organizzazione europea dei consumatori (BEUC), di cui ciascun gruppo è membro, afferma che le “pratiche ingannevoli” di Google relative alla localizzazione non offrono agli utenti una reale possibilità di abilitarla e che Google non informa correttamente loro su ciò che questo monitoraggio comporta. Se confermati, i reclami potrebbero significare una multa salata per il gigante della ricerca.

I reclami, che ogni gruppo ha rilasciato alle proprie autorità nazionali per la protezione dei dati in conformità con le regole GDPR, derivano dalla scoperta che Google è in grado di tracciare la posizione dell’utente anche quando l’opzione “Cronologia delle posizioni” è disattivata. Una seconda impostazione, “Attività web e app“, dovrebbe essere disattivata per impedire completamente il tracciamento GPS.

 

I commenti del GDPR sulla questione

Il BEUC afferma che Google utilizza “pratiche ingannevoli” per convincere gli utenti a abilitare entrambe queste opzioni e non informa completamente gli utenti di ciò che comporta. Come tale, il consenso non è dato liberamente.

Leggi anche:  Google, l'app di messaggistica Allo verrà chiusa nel 2019

In risposta ai reclami, Google ha dichiarato che la Cronologia delle posizioni è disattivata come impostazione predefinita e chiarisce che disabilitarla non impedisce il monitoraggio di tutte le posizioni.

Google non è l’unico gigante tecnologico a dover affrontare importanti reclami. All’inizio di quest’anno, il commissario irlandese per la privacy dei dati ha dichiarato che indagherebbe su Facebook per una violazione della sicurezza che ha colpito 29 milioni di account.

In caso di successo, GDPR afferma che Google potrebbe pagare una multa fino al quattro percento dei suoi ricavi globali, che sarebbe superiore ai 4 miliardi in base ai suoi documenti rilasciati nel 2017.