Samsung Galaxy S10+ sarà molto intelligente

Perdita dopo perdita, ci stiamo avvicinando all’uscita della serie Galaxy S10 e da quello che abbiamo raccolto fino ad ora, le aspettative degli appassionati sono molto alte. Samsung presenterà il prossimo anno Galaxy S10, Galaxy S10+ e Galaxy S10 Lite. I primi due sono certamente i modelli più interessanti per caratteristiche e innovazioni.

Oggi torniamo a parlare di Samsung Galaxy S10+ alimentato da SoC Exynos sulla scia di quanto condiviso dal leaker IceUniverse. Lo smartphone, identificato con il modello SM-G975F, assicurerebbe prestazioni impressionanti. Lo rivelerebbe un benchmark su AnTuTu che riporta il sorprendente risultato di 325.076 punti.

 

Galaxy S10+ è incredibilmente potente: battuto Huawei Mate 20 Pro

Questo è giusto un pelo sotto il record di iPhone XS che ha totalizzato 358.091 punti mentre è abbastanza lontano dal punteggio del nuovo iPad: 566.363 punti. Tuttavia, è il più alto risultato totalizzato da uno smartphone Android finora. La classifica attuale mette al primo posto Huawei Mate 20 Pro con 309.628 punti.

Il benchmark rivela anche alcune delle caratteristiche di S10+, animato dal chip Exynos 9820 con processore Octa Core di nuova generazione, GPU Mali-G76 e 6 GB di RAM a supporto. Il display, dalla dimensione sconosciuta, ha una risoluzione di 2280 x 1080 pixel ed è gestito come le altre componenti da Android 9 Pie.

Leggi anche:  Samsung è a rischio: le vendite di smartphone sempre più al ribasso

Un mix in grado di assicurare una velocità estrema in tutte le situazioni così come un’ottima stabilità. Tuttavia quest’anno potremmo assistere a un nuovo caso chipgate perché i Galaxy S10 con SoC Qualcomm Snapdragon potrebbero essere addirittura migliori. Fino ad oggi è sempre stato il contrario, forse per la migliore ottimizzazione hardware di Samsung.

Lo Snapdragon 855/8150 ha segnato qualche tempo fa 362.292 punti sempre su AnTuTu, pertanto sarà curioso conoscere le reali differenze dei due modelli una volta disponibili nei relativi mercati. Per il momento non abbiamo altre informazioni su questi smartphone che monopolizzeranno la prima metà del 2019.