tentativo di frode onlineL’email della carta bloccata, accompagnata da quella riguardante il bonifico INPS, tenta di truffare tutti i titolari di carte PostePay. La comunicazione arriva a tutti gli utenti, anche ai non clienti di Poste Italiane, ma rivolgendosi ai possessori delle carte, tenta di persuaderli ed ingannarli.

La Polizia Postale ha segnalato l’email proprio la scorsa settimana. Un messaggio falso che continuerà a circolare tra gli utenti come negli ultimi mesi. E’ importante, dunque, ricordare che si tratta di phishing e che quanto ricevuto ha il solo scopo di convincere la vittima a fornire i suoi dati sensibili.

PostePay: truffe online arrivano tramite email che possono prosciugare il conto in pochi istanti!

Il phishing è quel tentativo di frode online che tramite false comunicazioni, inviate con email ed SMS, mira all’inganno psicologico dell’utente. La truffa tenta di spaventare o incuriosire la vittima fino ad esortarla a procedere eseguendo i passaggi suggeriti dalla comunicazione. L’utente, quindi, si ritrova costretto a cliccare su un link contenuto all’interno del messaggio ed inserire le sue credenziali di accesso al conto. 

Leggi anche:  PostePay e INPS: gli hacker mirano alle carte con nuovi tentativi di frode

Seguendo la tecnica appena descritta i criminali possono portare a termine la frode ideata che viene mascherata da avvisi differenti caratterizzati dal tono intimidatorio che convincerà l’utente a proseguire. Nella maggior parte dei casi, le email e gli SMS, riguardano il blocco della carta a causa di disguidi sospetti o l’impossibilità di accreditare un bonifico in arrivo a causa di problemi relativi all’aggiornamento dei dati.

In questi casi le email nascondono sempre un tentativo di frode online che può essere evitato non fornendo alcuna informazione personale relativa al proprio conto.