rischio truffa online
Il rischio di ritrovarsi coinvolti in una truffa online continua ad essere molto elevato, soprattutto per i titolari di carte PostePay. Si presentano tramite email ed SMS riguardanti falsi avvisi che possono facilmente intaccare i conti e prosciugarli. Le comunicazioni arrivano a nome di Poste Italiane ma si tratta di cyber-criminali che si spacciano per i vari istituti bancari al fine di dare credibilità alla truffa. Gli ultimi casi di phishing sono stati segnalati dalla Polizia Postale e la stessa Poste Italiane ha più volte invitato i clienti a prestare attenzione. L’azienda non invia mai email o SMS per comunicare problemi o dettagli riguardo le carte o i conti. In particolar modo, non sono mai richiesti i dati personali dei clienti tramite tali strumenti.

Truffe PostePay: Poste Italiane non richiede mai i dati sensibili online, è solo phishing!

Basta tenere a mente quanto ribadito dall’azienda per evitare di imbattersi nei tentativi di frode online e cadere in trappola. Non essendo solita richiedere informazioni personali online o codici d’accesso, Poste Italiane, informa tutti i clienti che le comunicazioni contenenti tali richieste non sono affidabili. Notare, quindi, se gli avvisi ricevuti richiedono determinate informazioni è sufficiente al fine di identificare il tentativo di frode. La presenza, inoltre, dei dettagli tipici del phishing, come il link fraudolento di accesso rapido al sito clone, gli errori grammaticali e il tono intimidatorio che caratterizza la richiesta dei dati, danno ulteriori conferme.

Leggi anche:  PostePay bloccate e conti sospesi, le ultime mail tentano così di svuotare i conti

Si tratta di elementi che possono consentire a ognuno di proteggere il proprio conto senza alcuna difficoltà. Tenendo ben presente ciò che permette di riconoscere il tentativo di frode, una volta identificato, basterà ignorarlo e cestinarlo per continuare a procedere in sicurezza senza il rischio di ritrovare vuoto il proprio conto.