Mediaset PremiumSebbene Sky abbia recentemente acquisito l’intera piattaforma tecnologica di Mediaset Premium, tra le due aziende è indubbio che la rivalità è sempre stata notevole. Anche oggi, per cercare ugualmente di strappare clienti alla concorrente, la realtà italiana ha lanciato una serie di abbonamenti sicuramente convenienti e alla portata anche degli utenti nostrani meno facoltosi.

Sottoscrivere un contratto con una pay TV è sempre stato considerato un bene di lusso o comunque un obiettivo non facilmente raggiungibile, sopratutto se non supportati da ingenti disponibilità economiche. La crisi attuale ha indubbiamente obbligato anche tali aziende a ridurre le pretese, spostando quindi i prezzi verso un livello più accettabile (Sky è scesa sotto i 30 euro mensili).

Mediaset Premium, sopratutto in seguito alla mancata acquisizione dei diritti sportivi e alla perdita dell’alta definizione, ha deciso di allinearsi con un canone mensile non particolarmente elevato, dando così la possibilità agli amanti del cinema e delle serie TV di attivare un contratto a soli 14,90 euro.

Leggi anche:  Mediaset Premium: come rendere l'abbonamento il più economico e migliore di sempre

 

Mediaset Premium: 14,90 euro per Cinema e Serie TV, 19,90 euro con il Calcio incluso

Nell’eventualità in cui il consumatore sia leggermente più esigente, l’azienda ha pensato di stringere una collaborazione con DAZN per dare comunque la possibilità di accedere alle partite di Serie A (3 a settimana), di Serie B e a tanti altri impegni sportivi. In questo caso basterà sottoscrivere un abbonamento aggiuntivo al costo di soli 5 euro, ricordando comunque che la visione è permessa esclusivamente tramite una connessione dati attiva e l’applicazione dedicata (non quindi sul digitale terrestre).

Il contratto secondario potrà essere disdetto in un qualsiasi momento, senza rischiare di dover pagare penali o dover sottostare a vincoli contrattuali specifici.