call center truffe luce e gas

call center, servizi che avrebbero dovuto assistere la clientela, non sono più affidabili come una volta. Negli ultimi anni, il mondo del marketing li ha cambiati trasformandoli in una vera testa di ponte per la vendita di contratti e prodotti anche a costo di truffare i clienti.

Tra i telefonisti dei call center ci sono anche dei veri criminali che, a volte, sono assunti proprio dagli stessi gestori telefonici per alzare l’asticella dei loro bilanci prima della chiusura. Le numerosissime denunce depositate ai danni dei call center ormai non sono più una novità. Eppure le associazioni di consumatori non demordono.

Uno dei modi con cui veniamo truffati è quando un operatore registra la conversazione, manipolando poi un vostro semplice “sì” a una qualsiasi domanda affinché vi possa addebitare un abbonamento molto costoso. Gli strumenti informatici per farlo sono tanti, e difficilmente potremo dimostrare alla Polizia Postale che siamo dalla parte della ragione. Pertanto, evitate sempre di dire “Sì” a cuor leggero ogni volta che parlate con loro.

Altri call center: la truffa del trading online

Il trading online, ovvero il mercato dei titoli azionari che è entrato nelle nostre case via PC o smartphone, promette dei guadagni apparentemente facili dietro cui ci sono truffe clamorose. Un call center di una sedicente agenzia di trading online v’ingolosirà subito con gli “eventuali” benefici economici al costo di un piccolo investimento iniziale.

Leggi anche:  Call center Tim, Vodafone e Wind 3: attenzione a queste truffe

La chiave è il phishing dei dati personali e delle vostre carte di credito, le quali vi vengono richieste per fare l’investimento iniziale. Convinti di aver investito pochi euro per averne in ritorno molti, il conto della vostra carta di credito verrà rapidamente prosciugato nel giro di pochi minuti.

Un consiglio saggio è di non fornire alcun tipo di dato sensibile, di quei dati che consentano l’accesso ai vostri conti.