L’oggetto che al giorno d’oggi viene più utilizzato costantemente è sicuramente lo smartphone. Tale dispositivo riesce a soddisfare qualsiasi esigenza di ogni utente e basta semplicemente un click per essere connessi con il resto del web.

Essendo uno strumento, bisogna utilizzarlo con intelligenza in modo da poter trarre beneficio più a lungo possibile.

Detto ciò, in questo articolo andremo ad affrontare un tema che forse alcuni di voi non sanno. Si tratta sul perché non bisogna mettere in carica il proprio smartphone durante la notte.

 

Ricarica di notte: quali sono i pericoli

Secondo alcuni esperti in questo settore, uno dei problemi per cui si può danneggiare lo smartphone è l’eccessivo caricamento della batteria. Infatti, la maggior parte degli utenti immagina che avendo sempre lo smartphone carico potrà migliorare le prestazioni, invece non è proprio così.

Un errore che facciamo tutti è sicuramente quello di mettere in carica lo smartphone durante la notte. Durante le ore di sonno (tutta la notte), preferiamo caricare il nostro device in modo che appena ci risvegliamo abbiamo la batteria al 100%. Ma eseguendo questa operazione, dobbiamo stare attenti.

Leggi anche:  Wind propone il nuovo iPhone XR ad un prezzo molto conveniente

Lasciando in carica il dispositivo vicino al nostro letto o sotto il nostro cuscino, può aumentare fortemente il rischio di un incendio visto che le lenzuola potrebbero surriscaldarsi fino a provovare le fiamme. Per evitare che ciò accada, possiamo posare il dispositivo ad esempio sopra un piattino.

Comunque, se lasciamo in carica lo smartphone al 100% per tutta la notte, si andrà a ridurre anche la durata della batteria. A tale proposito, alcuni studi affermano che gli smartphone hanno delle prestazioni migliori quando la batteria resta costante tra il 30% e il 90%.