Making a Murderer tornerà per la seconda stagione sulla piattaforma di streaming Netflix molto prima del previsto.

Lo spettacolo ha seguito le vicissitudini di Steven Avery e suo nipote Brendan Dassey nell’assassinio del 2005 della venticinquenne Teresa Halbach. Entrambi sono stati giudicati colpevoli nel 2007 in connessione con l’omicidio del fotografo venticinquenne di St. John, Wis.
“Making a Murderer“, è quindi un documentario sul crimine diviso in 10 parti, presentato per la prima volta il 18 dicembre 2015

Nella seconda parte, abbiamo raccontato l’esperienza del condannato e imprigionato, due uomini che scontano ergastoli per crimini che sostengono di non aver commesso“, hanno detto in una dichiarazione i produttori esecutivi, scrittori e registi Laura Ricciardi e Moira Demos.

 

La sfortunata storia di Allan Avery

Steven Allan Avery  è un americano accusato di omicidio dalla contea di Manitowoc, nel Wisconsin, che è stato condannato per violenza sessuale e tentato omicidio nel 1985. Dopo aver scontato 18 anni di una condanna a 32 anni, è stato prosciolto dal test del DNA e rilasciato, solo per essere condannato in un altro caso con l’omicidio due anni dopo.

Leggi anche:  Netflix ha rinnovato per una 2 stagione, una serie TV molto apprezzata

Una curiosità interessante è il fatto che dopo l’esordio dello show nel 2015, è stata presentata una mozione per un nuovo processo per Avery. Mozione che è stata successivamente negata nel 2017. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha eletto l’appello di Dassey, ma dopo che i tribunali di grado inferiore si sono espressi contrari,  la sua condanna è stata ripristinata.

La popolare serie di documentari sul vero crimine di Netflix sta tornando con una seconda stagione il 19 ottobre, ha annunciato la società martedì. Insieme all’annuncio è comparsa anche la nuova tagline e il teaser per la seconda parte della serie.