nuove truffeIl phishing è quel tentativo di frode online che mira ai dati degli utenti utilizzando strategie persuasive e ingannevoli tramite comunicazioni fittizie. Un tentativo di frode che continua imperterrito a minacciare la sicurezza di numerosi utenti al fine di ottenere i loro dati sensibili e qualsiasi altra informazione che possa dare accesso ai loro risparmi. I clienti di Poste Italiane, così come i clienti di Unicredit, ricevono costantemente messaggi tramite WhatsApp, Facebook, SMS o email, che puntano al loro denaro.

L’attenzione è fondamentale per sfuggire alla minaccia diffusa da questi cyber-criminali e una serie di consigli, aggiornati proprio negli ultimi giorni, possono essere d’aiuto.

PostePay: attenzione al phishing e ai tentativi di frode che arrivano direttamente sul proprio smartphone!

La frode online, come tutto del resto, si evolve giornalmente. Dalle classiche email intimidatorie, gli hacker, hanno iniziato a sfruttare sempre più SMS e Social, maggiormente utilizzati dagli utenti, per tentare di intaccare i loro conti. Sempre con maggior frequenza, infatti, i titolari delle carte ricevono messaggi che cercano di ingannarli e convincerli a fornire credenziali e dati di accesso.

Leggi anche:  PostePay: dopo Unicredit l'ultima truffa colpisce Whatsapp, Telegram, email e SMS

Informazioni, insomma, che possono offrire agli hacker l’opportunità di arrivare al conto senza alcun problema, con il totale consenso dell’utente che in prima persona fornirà quanto necessario. Un consenso, ovviamente, ottenuto con l’inganno; un inganno che può essere evitato prestando la dovuta attenzione.

Gli utenti, ricevuta una comunicazione sospetta, devono necessariamente tentare di identificarne la provenienza. Non devono per alcun motivo inserire dati online né accedere a pagine e siti tramite link forniti da terze parti. Importante, inoltre, non lasciarsi impaurire da comunicazioni che minacciano il blocco della carta poiché sono sempre false.