Il decimo anniversario del primo dispositivo Android commercialmente disponibile, il T-Mobile G1, si sta avvicinando rapidamente. Nell’ultimo decennio, abbiamo visto alcuni telefoni Android piuttosto strambi sul mercato – alcuni di successo, ma per lo più nient’altro che esperimenti di design alla moda.

Motorola Backflip

Nel 2010 non c’era carenza di telefoni con tastiere scorrevoli, ma Motorola ha deciso di essere stravagante con il Backflip. Come suggerisce il nome, il retro ruota attorno per rivelare una tastiera fisica. Il Backflip era a dir poco insignificante. Aveva lo stesso processore 528 MHz del T-Mobile G1 del 2008, 256 MB di RAM e 512 MB di spazio di archiviazione. Lo schermo da 3.1 “320p e la fotocamera da 5MP non erano niente di speciale. L’unica cosa che salvava Backflip era il suo software MotoBlur, che aveva l’integrazione con Facebook, MySpace, Twitter e Microsoft Exchange. Ma poiché era basato su Android 1.5 Cupcake già obsoleto, anche quello non era eccezionale.

Samsung Continuum

Se pensavate che il display della LG V-series fosse innovativo, ripensateci. Samsung ha avuto la stessa idea cinque anni prima, implementandola sul Continuum. È interessante notare che il display da 1,8 “96×480 AMOLED è stato implementato sotto la schermata principale sia per i pulsanti di navigazione capacitivi, rendendo questo telefono ancora più impacciato. Non erano male il display AMOLED piuttosto nitido e il processore. I lati negativi riguardavano principalmente il software TouchWiz basato su Android 2.1, che era vecchio, buggato e pieno di bloatware. Inoltre il retro in plastica, piuttosto fragile.

Casio G’zOne Commando

Fondamentalmente ogni singolo fiore all’occhiello in questi giorni è resistente all’acqua e un paio sono certificati MIL-STD 810G. Non è stato sempre così, però. C’erano molti altri telefoni Android “robusti” allora, e il G’zOne Commando dal nome interessante e dallo stile particolare era uno di questi. Nel 2011, questo Casio aveva già delle specifiche obsolete. Ma questo telefono è stato progettato per essere gettato in giro, e la sua certificazione MIL-STD 810G si è dimostrata legittima. Non aveva la certificazione IP, però.

Kyocera Echo

Quando il doppio schermo ZTE Axon M dello scorso anno è stato rilasciato – è arrivato il Kyocera Echo. Usando una cerniera speciale, l’Echo ha trasformato il suo 3,5 pollici a 4,7 “, ed è solo interrotto da una grande barra nera causata da cornici che si incontrano nel mezzo dello schermo. L’Echo era alimentato da un chipset Snapdragon 1.0 GHz e 512 MB di RAM. Aveva 1 GB di spazio di archiviazione, una fotocamera da 5 MP e Android 2.2 Froyo. Per utilizzare i suoi due schermi, aveva una serie di funzioni speciali, inclusa la “modalità tablet”, che costringeva le app a sfruttare entrambi gli schermi e il multitasking. Un difetto paralizzante, tuttavia, era la durata della batteria; poiché c’erano due schermi che assorbivano energia. Non è mai stato un successo commerciale ma è stata sicuramente una delle mosse più audaci che un’azienda tecnologica possa fare se poco conosciuta.

LG Optimus Vu / Intuition

La fine del 2011 ha visto l’introduzione di una delle più importanti linee “phablet”: il Galaxy Note Samsung da 5,3″ LG doveva competere. Quindi ha introdotto l’Optimus Vu, chiamato anche Intuition su Verizon. L’Optimus Vu sfoggiava uno Snapdragon S3 dual-core da 1.5GHz, 1GB di RAM, un impressionante spazio di archiviazione da 32GB, una fotocamera posteriore da 8MP, una fotocamera frontale da 1,3 MP e uno stilo abbastanza noioso. Ha debuttato in Corea con Gingerbread, ma ha ricevuto Android 4.0.4 Ice Cream Sandwich quando è arrivato negli Stati Uniti.

Asus PadFone

Per non confondersi con i FonePad (i telefoni tablet di ASUS), la formazione PadFone includeva un normale smartphone e una docking station per tablet. Il primo ha debuttato nel 2012, ma è stato seguito da PadFone 2, poi da PadFone Infinity e, infine, da PadFone X (per gli Stati Uniti) e PadFone S (per RoW). C’erano anche dock per tastiera e versioni “mini” di alcuni modelli. L’ASUS PadFone 2012 sfoggiava un display AMOLED da 4.3 “540 p, uno Snapdragon S4 dual-core da 1,5 GHz, 1 GB di RAM, fino a 32 GB di memoria più espansione microSD, una fotocamera posteriore da 8 megapixel, una fotocamera VGA selfie e una batteria da 1.520 mAh. Il dock stesso, soprannominato ‘PadFone Station,’ è in pratica solo un display IPS da 10,1 “esterno da 10,1” con un altoparlante, una fotocamera da 1,3 megapixel anteriore e una batteria da 3,300 mAh. Ha lanciato Android 4.0 Ice Cream Sandwich, che era piuttosto nuovo al momento.

Leggi anche:  Android: 10 applicazioni nuove sul Play Store sono GRATIS e in sconto per poco tempo

Samsung W201x

Samsung riconosce che alcune persone preferiscono semplicemente quel fattore di forma di un tempo. Per questo motivo, dal 2013 produce telefoni flip Android di fascia alta per i mercati esteri (principalmente la Cina) dal 2013, nominandoli in modo creativo mettendo una “W” in anticipo rispetto al loro anno di rilascio, e ce ne sono ancora altri in uscita.

Yota YotaPhone

Molti di voi potrebbero non saperlo, ma lo YotaPhone è stato costruito da un operatore di telefonia mobile russo di nome Yota. Il primo dei suoi famosi telefoni dual-display ha debuttato all’inizio del 2013. È interessante notare che il nome YotaPhone è ancora forte, con lo YotaPhone 3 che è stato rilasciato a settembre 2017.

Lo YotaPhone originale è venuto con un LCD IPS da 720p da 4,3 “, uno Snapdragon S4 Pro dual-core da 1,7 GHz, 2 GB di RAM, 32 GB di spazio di archiviazione, una fotocamera posteriore da 13 megapixel, una cam per selfie da 1 MP e una batteria da 1.800 mAh. I display E-ink non consumano energia quando sono fermi, rendendoli ottimi se stai cercando di risparmiare la batteria. Sono passati circa 11 mesi da quando è stato rilasciato lo YotaPhone 3, ma non abbiamo mai visto fughe o voci su un successore.

Samsung Galaxy Round

Gli schermi curvi di Samsung sono diventati più addomesticati negli ultimi anni. Probabilmente perché la gente continuava a lamentarsi del fatto che la tecnologia non fosse sufficiente a compensare i tocchi accidentali ai lati dello schermo. Ma prima ancora del Galaxy S6 edge, il telefono che ha dato il via a questa tendenza era il Galaxy Round: un telefono con uno schermo davvero curvo. Era disponibile solo in Corea e presentava caratteristiche molto simili al Galaxy Note 3. Come ogni telefono Samsung dell’epoca, il Galaxy Round aveva un sacco di funzioni speciali. Per il suo display unico, aveva “effetto roll”, che permetteva di mostrare brevemente una schermata con la data, l’ora, le notifiche e il livello della batteria.

OPPO N1

Un altro telefono nella lista è l’OPPO N1. Quando uscì nel 2013, fu il primo telefono ad avere un modulo telecamera motorizzato. Ha eliminato la necessità di una fotocamera frontale separata, ma era più una novità che un bisogno reale. L’N1 aveva un LCD IPS da 5,9″ a 1080p, uno Snapdragon 600 quad core 1,7 GHz, 2 GB di RAM, fino a 32 GB di spazio di archiviazione, una singola fotocamera da 13 MP e una batteria da 3,610 mAh. Il dispositivo è stato costruito abbastanza bene, in realtà era disponibile negli Stati Uniti come CyanogenMod phone (RIP), anche se, come la maggior parte dei telefoni di questa lista, non ha venduto particolarmente bene.