Peekaboo

Dopo aver aiutato startup molto interessanti come Pix3DArt e Yoyot, portate anche al Campus Party, il pre-acceleratore romano Peekaboo inizia mercoledì 10 ottobre la prima edizione milanese del suo Lean Startup Program. Il corso pratico per validare e lanciare una startup in 10 settimane a cui si affianca il metodo Sprint di Google Venture e le opportunità offerte ai migliori profili tecnici.

Quattordici appuntamenti per altrettante lezioni, in cui giovani e intraprendenti aspiranti startupper impareranno a creare, validare e lanciare la loro idea di azienda grazie alle lezioni frontali dei migliori mentor della scena digital italiana.

Tra le chicche del Lean Startup Program, i cui partner sono Enel e Unilever, c’è la settimana in cui verrà insegnato e applicato il metodo Sprint di Google Venture: cinque giorni in cui i team dovranno prototipare soluzioni di business, conclusi da un hackathon. Un metodo nato in Silicon Valley e divenuto celebre in tutto il mondo proprio per le grandi possibilità che offre a chi vuole mettersi in gioco per costruire il proprio futuro professionale.

Leggi anche:  Nuove offerte dodocool sui prodotti hi-tech: ecco la nostra selezione

E’ per questo motivo che Peekaboo ha deciso di mettere a disposizione, dopo un colloquio e una selezione, delle borse di studio a copertura parziale o completa per programmatori e sviluppatori, giovani talenti accomunati da un solo, indispensabile requisito: il desiderio di raccogliere la sfida del mondo dell’innovazione mettendosi in gioco in prima persona. Un’occasione imperdibile per pensare e costruire la propria strada professionale nel digital, a portata di pochi clic.

 

Peekaboo: i numeri di una startup che pre-accelera startup

Fondata da Paolo Napolitano e Federico Belli, e affidato su Milano a Francesco Ehrenheim, in appena quattro edizioni Peekaboo ha ospitato oltre 500 startupper e 40 advisor, riuscendo a lanciare sul mercato ben 30 startup (tra cui Arda Studio, Mr Doc, Gimede, Yoyot, EasyPol e Pix3Dart). Aziende nate e cresciute in un contesto che antepone sempre la sostanza alla forma e persegue un solo obiettivo: quello di mostrare a giovani menti, studenti, neolaureati e professionisti la via dell’imprenditorialità innovativa.