Quante volte avete visto uno smartphone essere immerso in un oceano ed uscirne bello funzionante? Bene, un iPhone 7 ci è riuscito. Il devie è riuscito a sopravvivere per ben 48 ore nell’acqua senza troppi problemi.

Si tratta di una storia davvero particolare. Un sub infatti ha visto una luce provenire dal fondo del mare. Il telefono ha iniziato ad emettere luce quando ha ricevuto un messaggio di testo. Teniamo a precisare che il cellulare era protetto da una custodia impermeabile.

La cosa più interessante però è che l’iPhone era ancora carico dell’80% quando è stato recuperato. In qualche modo, il dispositivo non solo è sopravvissuto alla pressione subacquea ma ha anche mantenuto la carica per due giorni. Si tratterebbe di una scoperta davvero sorprendente per gli utenti di iPhone che sono abituati a ricaricare i loro iPhone di tanto in tanto.

Il subacqueo, Cerys Hearsey ha trovato il telefono dopo aver notato una luce lampeggiante a circa 30 piedi da dove si trovava a fare l’immersione. Avvicinandosi all’oggetto in questione, ha trovato un iPhone con l’84 percento di batteria rimanente. Successivamente, recuperato l’oggetto ha esaminato i contatti per trovare il legittimo proprietario.

Leggi anche:  Apple: gli iPhone 7 e 7 Plus sembrano iniziare ad accusare la vecchiaia

Il proprietario era il cugino di Rob Smith, a cui accidentalmente è caduto il telefono mentre stava facendo kayak a Durdle Door nel Dorset, in Inghilterra. Lo scrittore inglese e suo cugino pensavano di aver perso per sempre l’iPhone invece, ma sono stati abbastanza fortunati nel riavere il dispositivo, grazie al signor Cerys che l’ha trovato due giorni dopo.

Un subacqueo ritrova in fondo al mare un iPhone perfettamente funzionante

 

Il proprietario nel frattempo, era già ripartito verso il Canada e l’iPhone ha dovuto attraversare l’Atlantico per essere restituito al suo proprietario. “Ho visto il telefono adagiato sul fondo del mare in quanto aveva appena ricevuto un messaggio ed il display si è acceso”, ha dichiarato il subacqueo.

“L’ho preso e sono tornato a riva dove l’ho tolto dalla sua custodia perché stava iniziando ad entrare un po ‘d’acqua. Successivamente sono entrato nei contatti ed ho avvertito la famiglia del proprietario”. Ha aggiunto: “I telefoni sono così importanti per le nostre vite al giorno d’oggi e perderli non è mai una bella sensazione”.