VodafoneVodafone ha pubblicato nella giornata di oggi uno stringato comunicato con il quale comunica, ufficialmente, che l’hotspot è incluso per tutti i clienti mobili. Nello specifico, dal 20 giugno 2018 l’utilizzo dello smartphone in modalità hotspot o tethering è gratuito per tutti i clienti mobili, ricaricabile e abbonamento

LEGGI ANCHE: Special Minuti 30 giga a 10 euro torna attivabile da TIM, 3 Italia e Iliad

A partire da questa data, pertanto, i giga inclusi in tutte le offerte potranno essere utilizzati per sfruttare lo smartphone come modem e quindi per navigare con il proprio tablet o con il proprio personal computer sfruttando la promozione dello smartphone. Un’ottima notizia, e soprattutto ufficiale, che arriva dopo una serie di malcontenti.

 

Vodafone, l’hotspot diventa gratis dopo le lamentele dei clienti e la delibera dell’AGCOM

Vodafone è stata più volte additata dai suoi stessi clienti che, in caso di utilizzo dei giga in modalità hotspot, si vedevano addebitare il pagamento di una tariffa giornaliera di 6 euro. Altrimenti, l’unico modo per evitare questo costo spropositato, era quello di sottoscrivere una promozione dedicata che prevedesse l’hotspot.

Leggi anche:  Vodafone: ritorna la Simple Plus in offerta insieme alle Special Minuti

Questi malcontenti sono arrivati fin ad AGCOM che ha diffidato l’operatore perché questa pratica viola le condizioni tecnico-economiche disposte dal Regolamento (UE) n. 2015/2120 che stabilisce il diritto degli utenti di accedere ad internet. Ovvero che l’accesso ad internet deve essere fatto attraverso apparecchiature e applicazioni di propria scelta.

Una diffida che ha imposto a Vodafone di risolvere immediatamente la questione, che tra l’altro veniva applicata solo in Italia e non negli altri Paesi dell’Unione Europea. Vodafone ha allora iniziato ad offrire gratis l’hotspot ma sempre in sordina e solo per i nuovi clienti. Per tutti gli altri era necessario fare richiesta al servizio clienti.

A partire da oggi, invece, tutti i clienti potranno dormire sonni tranquilli perché dopo ben due mesi dalla diffida e anni di lamentele, è arrivata la comunicazione ufficiale.