Windows Phone è morto, lo sappiamo bene; ciò detto, questo non significa che non vedremo mai più il sistema operativo Windows 10 su un dispositivo mobile. Secondo le ultime informazioni diffuse dagli esperti del settore WinFuture, sia Microsoft che Dell hanno in programma di rilasciare un ibrido pieghevole smartphone / laptop basato sul chipset Qualcomm Snapdragon 850.

Snapdragon 850, avete letto bene. Non sappiamo nulla di questo processore, ma i colleghi americani sono sicuri che verrà rilasciato a breve dal colosso di San Diego. L’attuale punta di diamante di Qualcomm è Snapdragon 845, presente sui vari OnePlus 6, HTC U12 Plus e il neo presentato Xiaomi Mi 8. SD 850 sarà, nella fattispecie, uno Snapdragon 845 con clock più elevato.

 

Snapdragon 850 debutterà sul Surface Phone?

Il nuovo chip potrebbe adottare quel design particolare brevettato recentemente da Microsoft: un dispositivo mobile pieghevole con due display + Surface Pen, basato su Windows 10 e facente parte del brand Surface. Insomma, il Surface Phone – del quale si parla ormai da eoni.

Inoltre, Dell sta lavorando ad un progetto simile, il cui nome in codice è “Januss“; anch’esso è dunque un device pieghevole basato su Windows 10. Indipendentemente dal brand, vedremo indubbiamente dispositivi con chipset Snapdragon 850 entro la fine del 2018.

Leggi anche:  Snapdragon 855: i produttori di smartphone stanno già testando il processore

Come al solito, sarà Microsoft ad aprire le danze, proponendo il cosìdetto Reference Deisign; ad essa seguiranno Asus, Dell e Lenovo. Ciò è già accaduto in occasione del lancio del Microsoft Surface, il quale ha dato il via al dominio dei 2 in 1 – decretando altresì la morte dei tablet Android.

Secondo WinFuture, la strategia di Qualcomm è chiara: continuare a spingere lo Snapdragon 845 sui tradizionali smartphone, mentre lo Snapdragon 850 verrà implementato su questa particolare categoria di prodotti con Windows 10 on ARM.

E voi cosa ne pensate? Un dispositivo ibrido come raffigurato nei rendering di cui in basso potrebbe rivoluzionare il mercato dei device mobile? Fateci sapere la vostra opinione sulla nostra pagina Facebook!