Amazon è in guerra con Donald Trump

Amazon è la piattaforma di e-commerce più famosa ed utilizzata al mondo. Dopo mesi di piccole frecciatine con il Presidente, oggi il Washington Post ha riferito che Donald Trump avrebbe intenzione di scatenare una vera e propria guerra.

La notizia riferisce che il Presidente avrebbe chiesto al general manager del Servizio Postale Americano, Megan Brennan, di raddoppiare le commissioni addebitate alle compagnie come Amazon.

 

Amazon in guerra con Donald Trump

La richiesta arrivò già qualche mese fa ma la Brennan riuscì a tendere a bada il Presidente.  Questo per evitare che questa richiesta danneggiasse i contratti già esistenti tra l’USPS ed aziende del calibro di Amazon. Sempre Megan dichiarò che decisioni come queste le avrebbe dovute esaminare una commissione di regolamentazione prima di un’approvazione finale.

Leggi anche: Amazon ha lanciato un’applicazione per rendere più sicuri i quartieri

Poche settimane fa Donald Trump ha richiesto un’ulteriore revisione del servizio postale con un ordine esecutivo. Ha creato anche una task force con lo scopo di esaminare la situazione finanziaria del servizio. Questo per poter confermare la sua tesi: il servizio postale americano perderebbe miliardi di dollari a causa degli accordi firmati con Amazon ed altre società.

Ovviamente non è la prima volta che il Presidente si mette contro USPS e Bezos. Criticò in passato anche il fondatore dell’azienda per aver utilizzato il Washington Post come un ufficio stampa. Proprio il Washington Post sottolinea che Amazon come altre aziende, ha utilizzato l’USPS solo per le consegne dell’ultimo miglio e che l’azienda nel 2017 avrebbe pagato ben 21.7 miliardi di dollari per utilizzare questo servizio. Vi terremo come sempre aggiornati sulla faccenda.