Il trojan Triada si espande anche su altri smartphone
Il trojan Triada si espande anche su altri smartphone

Il trojan Triada è stato scoperto circa a metà del 2017 in alcuni smartphone economici con sistema operativo Android. Con il passare del tempo, questo trojan si sta espandendo e la lista degli smartphone a rischio continua ad allungarsi.

Sono infatti arrivati a 40, i dispositivi Android a rischio. Il trojan sfrutta il processo di sistema Zygote, utilizzato per lanciare varia applicazioni. Una volta entrato risulta in grado di infettare le applicazioni in esecuzione.

Il trojan Triada si espande, sempre più smartphone Android a rischio

Una volta entrato all’interno del sistema Zygote è in grado di infettare le applicazioni già in esecuzione. In questo modo “ottiene il permesso” di svolgere attività che causano danni sia all’utente che al dispositivo. I malintenzionati informatici lo includono nella libreria di sistema libandroid_runtime.so.

Questo fa in modo che possa anche scaricare e installare software senza autorizzazione da parte dell’utente. L’applicazione dannosa entra nel firmware del dispositivo già durante la produzione. Gli utenti possono quindi ricevere a casa loro uno smartphone già infettato. I ricercatori di Doctor Web, avevano segnalato la questione alle aziende produttrici. Nonostante questo però, i nuovi modelli continuano a risultare infetti. Basterebbe solamente che la casa produttrice effettuasse qualche controllo in più.

Attualmente la lista degli smartphone Android infettati è molto lunga. I dispositivi Leagoo infetti sono M5, M5 Plus, M5 Edge, M8, M8 Pro, Z5C, T1 Plus, Z3C, Z1C e M9. I dispositivi Doogee sono X5 Max, X5 Max Pro, Shoot 1 e Shoot 2. E ancora, Advan S5E NXT, S4Z e i5E. Cherry Mobile: Flare S5, Flare J25 e Flare P1. Altri modelli sono ARK Benefit M8, Zopo Speed 7 Plus, UHANS A 101, Tecno W2, Homtom HT16.

Umi London, Kiano Elegance 5.1, iLife Fivo Lite, Mito A39, Vertex Impress InTouch 4G e Genius. myPhone Hammer Energy, STF AERIAL PLUS, SFT JOY PRO, Tesla SP6.2. Cubot Rainbow, EXTREME 7, Haier T51, NOA H6, Pellit T1 PLUS, Prestigio Grace M5 LTE e BQ 5510.

La lista degli smartphone è questa, ovviamente non sono smartphone top di gamma molto utilizzati, ma sarebbe comunque opportuno che le case produttrici eliminassero questo problema. Potete, se in possesso di uno di questi modelli, scaricare l’applicazione antivirus per Android capace di rilevare se il vostro dispositivo è affetto da trojan.