Mediatek Helio P60

Il chipmaker Mediatek ha ufficializzato il suo nuovo sistema a microprocessore Helio P60 nel contesto espositivo del Mobile World Congress 2018 apertosi ieri davanti ad una folta schiera di giornalisti ed appassionati del settore Hi-Tech.

Si tratta di un prodotto che ha tutte le carte in regola per riscrivere il futuro dei sistemi integrati a microprocessore nella fascia dei midrange device. Scopriamolo.

Mediatek Helio P60 ufficiale: il futuro dell’intelligenza artificiale a misura di chip

Nel corso di queste ultime settimane, abbiamo già avuto modo di aprire focus specifici sul tanto discusso Mediatek Helio P60, ora svelato dal costruttore taiwanese che chiude il giro di indiscrezioni ed informazioni sommarie avutesi sino ad oggi riguardo benchmark e caratteristiche di primo piano.

Si parla, nello specifico, di un componente inedito che sfrutta un motore integrato di elaborazione IA denominato MediaTek NeuroPilot AI affiancato ad un’unità di elaborazione AI multi-core (mobile APU).

Al suo interno, si cela la presenza di un’architettura realizzata secondo gli standard di processo FinFET a 12nm che contano ora sulla presenza di sistemi equipaggiati con quattro core ARM Cortex-A73 e quattro core ARM Cortex-A53, con una frequenza di clock stabilità nella misura dei 2GHz per ambedue le soluzioni.

Si tratta di una classica configurazione Big.Little che bilancia in maniera ottimale i consumi sulla base dell’utilizzo e del carico di lavoro sulla CPU. Ottimizzazioni anche per il comparto grafico che vede una GPU Mali-G72 MP3, con un clock che si spinge al limite degli 800 Mhz.Mediatek Helio P60 ufficiale

Leggi anche:  OPPO F11 Pro, nuove foto reali ne mostrano il design

La configurazione scelta dal costruttore è una Octa-Core System che offre un surplus prestazionale del +70% rispetto alle generazioni precedenti di Mediatek Helio P23 e P30. Il tutto grazie alla nuova tecnologia proprietaria IA che incrementa l’efficienza energetica ottimizzando i consumi e bilanciando le performance.

L’SDK NeuroPilot MediaTek, supporta le API Android Neural Networks oltre che il framework set standard per TensorFlow, TF Lite, Caffe e Caffe2.

Dal punto di vista dell’imaging, inoltre, il processore integra tre ISP ed offre supporto a sistemi Dual-Camera fino ad un massimo di due moduli 16 + 20 MP o uno da 23 MP. Il nuovo livello di integrazione consentirà anche di ottenere feature interessanti come il riconoscimento degli oggetti, l’utilizzo di tecnologie AR + VR, fotoritocco, anteprima video in tempo reale e molto altro ancora.

In conclusione, Mediatek Helio P60 include un modem LTE WorldMode 4G con doppia antenna 4L VoLTE e TAS 2.0. Sul fronte della connettività, quindi, si offrirà garanzia di un sistema globalmente pronto ad accogliere le richieste di un pubblico sempre connesso in ogni momento. I primi smartphone con equipaggiamento Helio P60 giungeranno a partire dal secondo trimestre 2018.