huawei p11 p20

Un dispositivo realizzato da Huawei con il numero di modello ANE-LX1, precedentemente identificato con un display dal rapporto di aspetto 19: 9 è stato certificato martedì dalla Federal Communications Commission degli Stati Uniti.

Proprio come il primo elenco, i certificati emessi dalla FCC indicano che Android 8.0 Oreo sarà il sistema operativo scelto per equipaggiare l’ANE-LX1. Insime ad Oreo dovremmo trovare una nuova versione della EMUI di Huawei.

 

Huawei pronta a svelare i prossimi dispositivi della serie P

 

Alcuni esperti del settore hanno in precedenza ipotizzato che la risoluzione di 2.280 × 1.080 dello smartphone potesse suggerire la presenza di un notch in stile iPhone X. Uno schema del dispositivo proposto nella galleria qui sotto sembra aggiungere maggiore credibilità a tale scenario. Ad ogni modo la tacca dello smartphone Huawei sembra essere molto più stretta di quella che si trova sullo smartphone Apple.

 

La stessa immagine indica anche che l’ANE-LX1 presenterà una configurazione con doppia fotocamera composta da due sensori disposti verticalmente, situati vicino all’angolo superiore sinistro sulla parte posteriore, presumibilmente accompagnata da un’unità flash a doppio LED. La particolare scelta del design e la tempistica suggeriscono che l’ANE-LX1 potrebbe essere il P20 Lite. Il device dovrebbe insediare la fascia media del mercato. L’elenco FCC pubblicato all’inizio di questa settimana menziona anche l’esistenza di una batteria da 2.900 mAh con supporto alla ricarica veloce.

Leggi anche:  Huawei Nova 3i approda su Geekbench mostrando i muscoli: ecco come se l'è cavata

Come suggerito dai mid-ranger di Huawei recentemente rilasciati, l’ANE-LX1 è probabile che sia dotato di una batteria non rimovibile. La line-up P20 era inizialmente prevista per essere annunciato nel mese di Febbraio a Barcellona, ​​nel corso del Mobile World Congress. Huawei dovrebbe invece tenere un evento di lancio il 27 Marzo a Parigi dove saranno presentati tutti e tre i dispositivi. Si dice che il produttore cinese abbia optato per tale mossa per evitare di competere direttamente con Samsung, la cui conferenza la MWC 2018 vedrà l’annuncio del Galaxy S9 e Galaxy S9 Plus.