Whatsapp non funziona

Sempre più utenti scelgono la porta di servizio su WhatsApp. La chat di messaggistica più famosa al mondo può vantare allo stato attuale oltre un miliardo di individui, sparsi in maniera omogenea su tutto il mondo. Anche se la maggior concentrazione di pubblico è concentrata in America ed Europa, il suo successo può essere definito globale.

WhatsApp insidiata dai rivali

Nonostante i numeri, in questo periodo non mancano le insidie per WhatsApp. Gli sviluppatori, infatti, devono guardarsi le spalle da numerosi competitors che già hanno affermato la loro stella o che si stanno facendo conoscere proprio durante questi mesi.

Un servizio su tutti, Telegram, ha tolto già un notevole quantitativo di pubblico a WhatsApp. A dar manforte a Telegram vi è il fattore sicurezza: sempre più utenti scelgono la chat per riservare con maggior tranquillità le proprie informazioni personali.

L’ascesa di Signal

Ma non è tutto. Proprio mentre Telegram sta facendo registrare i suoi record storici, una nuova chat è in rampa di lancio. Stiamo parlando di Signal, la piattaforma di messaggistica pubblicizzata per la prima volta da Edward Snowden, diplomatico statunitense molto discusso dall’opinione pubblica.

A garantire il successo di Signal è sempre la questione privacy. La chat è infatti dotata di una crittografia end-to-end a prova di bomba in grado di garantire riservatezza assoluta ai suoi clienti.

Per WhatsApp, quindi, lo scenario potrebbe cambiare nel futuro prossimo. Il primato per ora non è in discussione, ma chissà…