L’intelligenza artificiale (AI) è considerata il futuro del mondo tecnologico. Tuttavia, potrà aiutare a fare la differenza anche in altri campi? Bene, la risposta potrebbe essere sì.
Secondo uno studio recente, i microscopi potenziati con intelligenza artificiale (AI) potrebbero aiutare nella diagnosi rapida e accurata delle infezioni mortali legate al sangue, con conseguente miglioramento delle probabilità di sopravvivenza dei pazienti. Nei casi usuali, i batteri che causano infezioni del flusso sanguigno sono i batteri a forma di bastoncello tra cui Escherichia coli o E.coli. A loro si aggiungono i grappoli rotondi di specie di Staphylococcus e le coppie o catene di specie di Streptococcus.

Nuova incredibile ricerca che coinvolge l’Intelligenza Artificiale

L’identificazione e l’erogazione rapida di farmaci antibiotici è l’unico modo per curare le infezioni del flusso sanguigno, consentendo l’aumento del proprio ciclo di vita fino al 40%.
Lo studio è stato condotto dagli scienziati del Beth Deaconess Medical Center (BIDMC) di Boston. Gli scienziati hanno utilizzato un microscopio automatizzato progettato per raccogliere dati di immagini ad alta risoluzione dalle diapositive. Una rete neuronale convoluzionale (CNN), una classe di intelligenza artificiale modellata sulla corteccia visiva dei mammiferi ed utilizzata per analizzare i dati visivi, è stata addestrata per classificare i batteri in base alla loro forma e distribuzione.

intelligenza artificiale

Gli scienziati hanno riempito la rete neurale con oltre 100.000 immagini prese da campioni di sangue, al fine di addestrare il sistema di intelligenza artificiale. L’intelligenza artificiale ha imparato come ordinare le immagini nelle tre categorie di batteri; grappoli rotondi a forma di bastoncello e catene o coppie rotonde. In ultima analisi, ha raggiunto circa il 95% di precisione, affermano i ricercatori. “Questo segna la prima dimostrazione dell’apprendimento automatico nell’area diagnostica”, ha affermato James Kirby, direttore del laboratorio di microbiologia clinica presso il BIDMC.

“Con un ulteriore sviluppo, riteniamo che questa tecnologia possa costituire la base di una futura piattaforma diagnostica. Essa aumenterà le capacità dei laboratori clinici, accelerando in definitiva l’erogazione dell’assistenza ai pazienti”, ha aggiunto Kirby, nel documento pubblicato sul Journal of Clinical Microbiology. La classificazione automatizzata può anche migliorare la carenza di medici aiutandoli a lavorare in modo più efficiente, “ipoteticamente riducendo il tempo di lettura da minuti a secondi”, ha suggerito Kirby. Inoltre, il nuovo strumento potrebbe introdurre nuove applicazioni nella formazione e nella ricerca in microbiologia.