Google
Google versa ad Apple miliardi di dollari per restare il motore di ricerca predefinito su iOS

Google, il più celebre motore di ricerca al mondo nonché una delle più grandi società di internet esistenti oggi giorno, versa ogni anno miliardi di euro ad Apple per un motivo davvero bizzarro. Sin dal primo iPhone della storia, il motore di ricerca predefinito di Safari su iOS è sempre stato Google. Ogni anno, il colosso di Mountain View versa alcuni miliardi di dollari nelle casse dell’azienda di Cupertino al fine di lasciare invariata questa tradizione e quest’anno la cifra potrebbe sfiorare con tranquillità i 3 miliardi di dollari.

Analizzando i bilanci delle due società è possibile osservare come Big G abbia pagato nel solo 2014 la bellezza di ben 1 miliardo di dollari. Una cifra in netto aumento negli anni successivi. Secondo il centro ricerche statistiche “Bernstein”, il motivo sarebbe semplice: Google realizza quasi il 50% dei propri ricavi attraverso le ricerche effettuate da iPhone o iPad. Nonostante la fetta di mercato iOS sia “solo” del 20%, contro l’80% di Android.

Leggi anche:  Mediaworld vs Euronics: ecco le migliore offerte per gli smartphone Android

Google, un accordo win-win

In gergo tecnico economico, con l’espressione “win-win” si intende indicare quella negoziazione attraverso la quale entrambe le parti soddisfano i propri interessi (in questo caso accrescono i propri guadagni). In altre parole, Apple guadagna quasi 3 miliardi (nel 2017) per non fare nulla, ossia per lasciare inalterato il motore di ricerca (Google) del proprio applicativo internet Safari per iOS; Google, invece, guadagna dai maggiori introiti pubblicitari realizzati dalle ricerche degli utenti Apple. Entrambe le aziende, insomma, “vincono”.

La società della mela ogni anno aumenta le sue pretese economiche e Google fino ad ora non ha opposto resistenza. Staremo a vedere fino a quando Big G accetterà le richieste della concorrente e semmai l’accordo muterà nel prossimo futuro. Per ulteriori informazioni e novità sul mondo Android e su quello tecnologico in generale, continua a seguirici su TecnoAndroid.it!