Amazon chiede spazio aereo per le consegne coi droni
Un prototipo dei droni per le consegne di Amazon

Il Giappone punta alle consegne automatizzate nel prossimo futuro. Grazie ad un piano legislativo attualmente in fase di studio, entro il 2020 si vole regolamentare la consegna di pacchi tramite droni. Entro il 2022 invece si vuole arrivare a coprire il buco normativo al fine di garantire la circolazione costante di macchine a guida autonoma.

Il piano giapponese è quello di realizzare un sistema legislativo solido e all’avanguardia al fine di incoraggiare un maggior uso dei Big Data e dell’intelligenza artificiale. Lo sviluppo di questi settori sarà legato strettamente ad altri campi di maggiore applicazione come il sistema sanitario.

Il continuo sviluppo di tecnologie permette di modernizzare e migliorare le catene di approvvigionamento, e di conseguenza le infrastrutture, la produzione e di coseguenza la vita. Lo sviluppo di nuove leggi dedicate, permetterà al Giappone di attirare investimenti al fine di essere parte attiva di questo sviluppo tecnologico.

Non a caso si è deciso di intraprendere questa strada, infatti il Giappone sta vivendo un periodo di crisi con la dimunuizione della forza lavoro con conseguente ridimensionamento dell’organico delle aziende. Nuovi investimenti permetterebbero alla nazione di tornare a crescere in un settore, quello hi tech, fondamentale per il futuro.

Leggi anche:  Droni: a Milano la Polizia Locale vuole monitorare il territorio dall'alto