smartphone
Cosa fare se si scarica la batteria in un luogo pubblico

A chi non è successo di rimanere a corto di carica della batteria e di dover ricaricare lo smartphone in aeroporto, ad esempio, in un bar o sui mezzi pubblici? Alzi la mano chi di voi non si è mai trovato alla disperata ricerca di una presa per collegare il proprio device. Il problema è più frequente di quanto pensassimo, è davvero questa la soluzione migliore?

Alcuni esperti sostengono che i pericoli dietro il dover ricaricare lo smartphone ovunque ci si trovi sono molti e che, di conseguenza, è meglio prendere le dovute precauzioni. Utilizzare un cavo USB per collegare il telefono a un computer o un tablet che non si conosce non è l’opzione migliore.

Secondo la ben nota società Kaspersky Lab Cybersecurity, il dispositivo è completamente esposto ad una quantità enorme di dati quando è collegato a computer per un processo noto come “handshake” (letteralmente, “stretta di mano”). In questo scambio di dati, il telefono trasferisce le informazioni al computer tramite cavo. Ed è lui stesso a “raccontare” alla macchina come si chiama, qual è il suo produttore e il numero di serie, ma anche il suo funzionamento e anche il file di sistema.

In tal modo, lo smartphone può essere “infettato”, rendendo possibile seguire la pista a qualcuno utilizzando l’ID del dispositivo, spiegano gli specialisti. E’ quanto, in materia, è conosciuto come “vulnerabilità di carico” e gli hacker professionisti potrebbero essere in agguato.

Leggi anche:  Samsung Flip-phone SM-W2018: nuove incredibili immagini trapelano sulla rete

Alcuni di questi virus sono travestiti da pagine ufficiali in sovrapposizione con finestre per ottenere informazioni personali e bancarie dalle email fraudolente (il fenomeno del “phishing”). “E’ del tutto possibile trasferire il software dannoso con un telefono cellulare tramite la connessione USB da un computer o un dispositivo su una stazione di ricarica pubblica, come ad esempio negli aeroporti o nei centri commerciali”, spiegano gli esperti. “Nel 2016, la Federal Trade Commission USA ha consigliato i consumatori di non collegando gli smartphone ad alcun sistema di intrattenimento personale tramite porta USB o connessione Bluetooth sulle auto a noleggio“. La ragione è che il sistema è in grado di importare e memorizzare i dati dal telefono cellulare, come le registrazioni delle chiamate, i contatti e le posizioni richieste al GPS.

La FTC consiglia, tuttavia, di utilizzare un cavo compatibile con il caricabatterie dell’auto, anziché collegarlo all’uscita USB. E questo è solo un esempio di “juice-jaking“.