Qualcomm
L’iconico logo delle CPU Qualcomm

In queste ore Qualcomm Technologies ha sollevato il sipario sui nuovi System-on-a-Chip IPQ8074 e QCA6290. La particolarità di queste soluzioni è che si tratta dei primi dispositivi compatibili con il nuovo standard Wi-Fi 802.11ax.

Il nuovo 802.11ax è la naturale evoluzione degli standard 802.11g e 802.11n che si sono susseguiti in questi anni. Vengono assicurate prestazioni migliori sotto tutti gli aspetti. L’aumento delle prestazioni inoltre è accompagnato da una riduzione dei consumi. Inoltre grazie ai nuovi protocolli sarà possibile sfruttare la nuova rete al meglio. La connessione veloce e stabile sarà assicurata anche in ambienti affollati con molti utenti connessi contemporaneamente.

Il SoC IPQ8074 è destinato ad spingere sistemi come router e punti di accesso e raggiungere performance fino a quattro volte maggiori rispetto alla generazione precedente. La velocità di punta raggiungibile si aggira intorno ai 4.8Gbps.

Il QCA6290 invece è destinato al lato consumer e quindi ad equipaggiare svariati dispositivi compatibili con il WiFi. In ogni caso l’obiettivo di Qualcomm è quello di supportare lo sviluppo dell‘Internet of Things e la sempre maggiore richiesta di dispositivi connessi. Con questa soluzione è possibile raggiungere una velocità di 1.8Gbps grazie allo sfruttamento del Dual Band Simultaneous (DBS). Questa tecnologia sfrutta l’unione delle due bande da 2.4 e 5GHz.

Dal punto di vista tecnico, i chip Qualcomm supportano fino a 12 flussi di cui otto dedicati alla reti a 5GHz e quattro ai 2.4GHz. Entrambi i prodotti saranno disponibili nel corso di questo anno mentre i primi dispositivi compatibili arriveranno sul mercato verso la fine dell’anno.