iPhone 8
iPhone 8 arriverà, ma soltanto nel 2018

iPhone 8 potrebbe non essere dietro l’angolo come alcuni rumors vorrebbero farci pensare. A rivelarlo sono ulteriori indiscrezioni provenienti questa volta dal Regno Unito. Secondo queste voci di corridoio (non ancora confermate ufficialmente) Apple presenterà il prossimo marzo la seconda generazione di iPhone SE e a settembre i nuovi iPhone 7s e 7s Plus. L’8, invece, dovrebbe arrivare soltanto a settembre 2018. Ovviamente la “scaletta” che è stata delineata da questi rumors potrebbe subire variazioni consistenti nel corso dei prossimi mesi, non ci resta che aspettare per scoprirlo.

iPhone 8 forse avrà un SoC octa-core e 4/6 GB di RAM

Qualora venisse confermata l’uscita dei nuovi iPhone 7s il prossimo anno, è altamente probabile che venga riconfermato il design degli attuali iPhone 7. Questo sicuramente non verrà apprezzato dagli utenti, che saranno costretti a vedere per il quarto anno consecutivo un design praticamente quasi invariato (il design degli attuali iPhone 7 è in realtà un’evoluzione del design che ha debuttato sull’iPhone 6 nel 2014).

L’iPhone del 2018, che salvo sorprese si chiamerà iPhone 8, rappresenterà un vero taglio col passato sia per quanto riguarda il design che le funzionalità. Questo innovativo iPhone potrebbe essere dotato di un display dual-edge che ricoprirà oltre il 90% della superficie frontale del device. Per la prima volta su iPhone potrebbe essere introdotto un chip  octa-core supportato da almeno 4 GB di RAM, se non addirittura da 6 GB di RAM. Se tutto ciò verrà confermato ufficialmente gli utenti dovranno armarsi di pazienza e aspettare ancora un po’ per la rivoluzione degli smartphone di Apple.

Leggi anche:  Apple sta investendo milioni di dollari in un laser prodotto negli Stati Uniti

Che fine ha fatto l’iPhone celebrativo?

Non sono emerse indiscrezioni riguardanti la possibile uscita di un iPhone celebrativo. Sta iniziando a sfumare l’idea che Apple possa presentare un iPhone per festeggiare “I 10 anni di iPhone”. L’azienda di Cupertino in passato non ha fatto ciò con altri prodotti, come il Mac o l’iPod, e potrebbe non farlo nemmeno per iPhone.