HP
HP annuncia l’arrivo di un nuovo Chromebook economico: 11 G5

HP ha annunciato l’arrivo imminente sul mercato di un laptop economico denominato “Chromebook 11 G5”, capace di far girare applicativi Android e dotato di un’autonomia eccezionale pari a 12.5 ore.

Il nuovo modello sarà disponibile con o senza touchscreen a partire da 189$ (l’equivalente di circa 170€). Ricordiamo, inoltre, che quest’ultimo è fondamentale per il corretto utilizzo di numerose app Android. HP ha dichiarato, però, la possibilità, anche per il laptop senza schermo tattile, di aver accesso al Google Play Store e di poter utilizzare tutti gli applicativi per la produttività o software particolari come Skype.

HP Chromebook 11 G5, le caratteristiche tecniche

Il nuovo terminale proposto dal gigante statunitense avrà un peso di 1.13 chilogrammi e sarà disponibile a partire da ottobre 2016.

Le specifiche hardware sono in linea con la fascia di mercato ed in particolare sarà possibile trovare:

  • Processore Intel Celeron N306, nominato in codice “Braswell”;
  • Memoria RAM da 4 GB;
  • Hard Disk ad alta velocità da 32 GB;
  • Display HD con risoluzione da 1366 x 768 pixels;
  • 802.11ac Wi-Fi;
  • Webcam;
  • Due porte USB 3.1;
  • Ingresso HDMI;
  • Lettore di schede micro-SD.

Le applicazioni Android del Google Play Store, dunque, cominciano ad essere disponibili anche per i Chromebooks, proprio sulla stessa linea di principio degli applicativi offerti da Microsoft sul suo Windows Store.

Leggi anche:  Netflix in regalo con il nuovo Chromebook di Google

HP dichiara un fine educativo

I nuovi modelli proposti dal gruppo Hewlett-Packard, secondo quanto dichiarato dalla stessa società, saranno principalmente rivolti al mondo scolastico ed universitario. La scelta societaria è sintomo degli ottimi risultati raggiunti dal gruppo in questo settore negli ultimi anni e dovuta alla volontà di fronteggiare il predominio di Apple nel campo educativo.

Finalmente, dunque, il Google Play Store sembra essersi “aperto” anche ad altri dispositivi oltre i soliti smartphone e tablet. Vedremo se in futuro questa nuova politica di Big G potrà rivelarsi positiva e corrispondente alle esigenze di mercato.