Xiaomi
Xiaomi ha venduto 73 milioni di pezzi nel corso del 2015

Xiaomi ogni anno riesce a migliorare il numero delle vendite rispetto all’anno precedente. Nel 2014, ad esempio, ha venduto ben 61 milioni di pezzi. Quest’anno si è raggiunta la quota di 73 milioni di pezzi venduti. 

Sicuramente si tratta di un ottimo risultato, anche se non è sufficientemente appagante comparandolo alle aspettative della società cinese che prevedeva dagli 80 ai 100 milioni di vendite.

Xiaomi: un risultato che non basta

Analizzando l’esercizio 2015 si può notare un inizio un po’ lento: “soltanto” 15 milioni di pezzi venduti nel primo trimestre. Un discreto miglioramento si è avuto nel secondo trimestre con 20 milioni di unità vendute. Il terzo trimestre si è presentato in leggero calo rispetto al trimestre precedente, con circa 18 milioni e mezzo di vendite. Il quarto e ultimo trimestre, infine, si è chiuso con 20 milioni di unità prodotte e vendute.

Cosa potrebbe aver favorito i mancati obiettivi dell’azienda? Uno dei fattori potrebbe riguardare la mancata immissione nel mercato di Xiaomi E5 che potrebbe essere rilasciato soltanto durante il prossimo anno. In conto bisogna poi metterci le molteplici variabili che molto facilmente possono falsare le aspettative dei ricavi di vendita.

Leggi anche:  Xiaomi Redmi Note 5: ecco quanto costerà il nuovo device full-vision!

Samsung, Apple & Co. “preoccupate”

Se è pur vero che Xiaomi non è riuscito a realizzare esattamente le proprie aspettative, è anche vero che questi dati preoccupano le società leader della tecnologia mondiale. Se la società cinese non avesse venduto tutti questi dispositivi di sicuro Samsung, Apple, Sony, LG, Google e altri avrebbero avuto qualche device venduto in più.