Gli italiani preferiscono il web per leggere le news

Che la maggioranza degli italiani s’interfacci con la fruizione di news, utilizzando soprattutto i canali social, non è una grossa novità. La notizia è che adesso conosciamo con numeri più certi questo trend. Utilizzando i dati emersi ieri dal rapporto “Newsruption”, presentato da Burson-Masteller e Human Highway, abbiamo a disposizione una fotografia più chiara dei consumi di informazione degli italiani, dal quale emerge chiaramente un progressivo abbandono della carta a diretto vantaggio dei media digitali.

L’indagine statistica ha coinvolto un campione di 1.600 utenti abituali di internet. I dati dichiarati nelle interviste sono stati incrociati con l’analisi di 800mila articoli pubblicati da gennaio 2014 a giugno 2015 sulle cento principali testate online italiane.

Rispetto alle precedenti rilevazioni, la condivisione di news sulle piattaforme social è aumentata del 185% negli ultimi due anni. Il fenomeno, caratterizzato da un volume di 30 milioni di condivisioni mensili, si genera a monte dai 100mila articoli di attualità ospitati dalle cento principali testate d’informazione online. Stiamo parlando, perciò, di un milione di news che viene ogni giornoimmessa sui social a vantaggio di amici e followers. Di questa mole di contenuti condivisi, circa il 55% è relativo a news pubblicate sui siti Web delle testate cartacee.

Poco meno della metà di tutta la popolazione connessa su internet produce una domanda d’informazione che si riversa sul web: 12,2 milioni di persone ricavano le informazioni dai siti internet, mentre 4,7 milioni dalle applicazioni su dispositivi mobili. La percentuale degli utenti internet solo il 17,6% legge abitualmente i quotidiani in formato cartaceo.

Leggi anche:  Facebook vuole distruggere Snapchat creando gli status che si autodistruggono

Il campione di riferimento, messo di fronte alla scelta tra mezzi tradizionali e media digitali, preferisce di gran lunga questi ultimi.  Il 75% dei casi opta per l’online (Web o App) e solo nel 16,2% il supporto cartaceo.

Tra i media tradizionali la TV conferma il suo inossidabile primato: quasi metà delle persone riferisce di aver appreso una news da un telegiornale. Ma Facebook guadagna terreno, con un forte incremento negli ultimi 4 anni, raggiungendo quota 12,5%: la piattaforma di Zuckerberg mostra di avere da sola una capacità informativa paragonabile a quella di tutto il sistema dei quotidiani online, ferma al 13,4% da quattro anni.

Per quanto riguarda la condivisione sui social, dei quattro canali più utilizzati nella divulgazione dell’informazione online, la quota principale è presa da Facebook con il 96%. Ciò che ne rimane è quasi tutto appannaggio di Twitter, mentre qualche punto decimale è diviso tra Google+ (in calo) e a LinkedIn (in crescita).