M8_2

 

HTC One M8 il nuovo top di gamma di casa HTC è stato a lungo sotto la nostra lente per ben 15 giorni. Andiamo a scoprire la recensione completa dell’HTC One M8 con tutte le specifiche tecniche e le caratteristiche.

Nella confezione, come visto nell’unboxing, troviamo la “classica” dotazione con in più una cover in silicone che richiama il colore dell’M8. Anche la confezione realizzata da HTC rispetta l’ambiente essendo realizzata con materiali riciclabili al 99% e con inchiostro di soia. Lo si dice sempre di Samsung, ma anche HTC si muove nella direzione del rispetto ambientale.M8_1

Estetica.

La prima cosa di cui si parla quando si recensisce uno smartphone è l’estetica e in questo caso l’accento va rimarcato in quanto, da dichiarazioni interne, HTC ha lavorato molto per trovare la giusta spazzolatura dell’alluminio e il colore più soddisfacente.M8

Dal punto di vista estetico è rimasta la somiglianza con il modello precedente, qui la nostra recensione, anche se in questo caso il colore è canna di fucile e le dimensioni sono maggiori. Ancora una volta HTC ha realizzato un dispositivo monoblocco in alluminio con due casse nella parte anteriore, offrono un suono potente e pulito, tasti touch sul display, occupano parte del display da 5 pollici, sarebbe stato meglio posizionarli sulla cornice accanto al logo HTC dove il logo stesso sarebbe potuto essere un tasto donando all’M8 una caratteristica distintiva.

Le dimensioni sono di 142,4 x 70,6 x 9.3 mm per un peso di 160 grammi, le dimensioni sono influenzate dalla presenza del doppio speaker e il peso per il materiale con cui è realizzato il device, l’alluminio. Per capirci il Note 3 che ha un display da 5,7 pollici ha un peso di 168 grammi quindi con soli 8 grammi di differenza con il One che ha un display da 5 pollici. Il peso si “sente” anche se l’ergonomia è ottima grazie ai bordi arrotondati e ad uno sviluppo in altezza dell’M8.

Il display da 5 pollici FullHD (1920 x 1080) con densità pari a 441ppi, protetto da un Corning Gorilla Glass 3, è un LCD che offre colori più vivaci e una maggiore luminosità rispetto all’IPS del suo predecessore.

Nella parte anteriore sono collocati i sensori di luminosità e prossimità, la fotocamera da 5 Mpx e il LED di notifica. Buono il funzionamento del sensore di luminosità, il LED posto sotto la griglia dello speaker è molto piccolo e si vede a stento quando lampeggia.

Nella parte posteriore troviamo la doppia fotocamera da 4 Ultrapixel con doppio flash led e il secondo microfono per l’attenuazione dei rumori. Sul bordo laterale destro troviamo il tasto del volume e il vano per la nanosim. Su quello sinistro il vano per la microSD, anche in questo è differente dal predecessore, con capienza fino a 128GB.

htc one m8

Sul bordo inferiore troviamo l’ingresso per la microUSB e il jack audio da 3,5 mm, sul bordo superiore il tasto di accensione/spegnimento e la porta infrarossi. Proprio come sull’M7 il tasto è collocato in alto, molto difficile da raggiungere se si tiene il telefono con una mano. Per fortuna HTC ha pensato di dare la possibilità di attivare il display senza utilizzare necessariamente il tasto fisico, ma con dei tocchi. Con uno swipe verso l’alto si attiva il display e si sblocca, funzione già presente sull’M7, e con un doppio tocco si attiva solo il display che poi andrà sbloccato.

Gesture.

HTC già con il One M7 aveva implementato la possibilità di attivare il display, con uno swipe dal basso, visto che il tasto di accensione/sblocco è posizionato sul bordo supèeriore del device e non facilmente raggiungibile con una sola mano. Con il One M8 sono state aggiunte altre gesture che portano a differenti risultati di attivazione. Tutte prevedono che si porti il dispositivo in posizione verticale e poi si realizzi la gesture desiderata.

HTC One M8

Quindi con un doppio tap attiviamo/disattiviamo il display. Uno swipe verso l’alto ci fa accedere all’ultima app che stavamo utilizzando, uno swipe verso destra permette di accedere a Blinkfeed e uno swipe verso sinistra ci permette di accedere alla homescreen. Uno swipe verso il basso, inoltre, permette di accedere direttamente alla chiamata vocale, molto utile per effettuare chiamate senza dover attivare il display e poi ricercare il contatto da chiamare.

È stata, poi, implementata una modalità di attivazione della fotocamera. Portando il device in posizione orizzontale e premendo il tasto del volume, che sia in su o giù, si attiva la fotocamera.

Hardware e software.

Sotto la monoscocca dell’M8 troviamo il nuovo processore Qualcomm Snapdragon 801 con frequenza di clock a 2,3 GHz, 16 GB di memoria interna di cui solo circa 10 GB a disposizione dell’utente, in questo caso aiuta molto la presenza della microSD esterna su cui si possono spostare le applicazioni che scarichiamo. A completare l’hardware ci sono 2 GB di RAM e la GPU Adreno 330.

HTC One M8 (3)

Nel comparto software troviamo installata l’ultima versione Android KitKat 4.4.2 con forte personalizzazione da parte di HTC con Blenkfeed e non solo. Il sistema gira in modo impeccabile e non ho notato grosse differenze con l’M7 da questo punto di vista, in questo caso, però, l’interfaccia è la Sense 6 con drawer rinnovato senza più la presenza dell’orologio con il meteo, ma con la possibilità di portare rapidamente un collegamento ad un’app sulla homescreen.

HTC One M8 (2)

Anche se ritengo i test benchmark poco indicativi dell’usabilità ed esperienza d’uso che si ha con un device a molti interessa conoscere anche questo aspetto quindi di seguito trovate il risultato realizzato dal One M8 con AnTuTu.

HTC One M8 (5)

Tra le applicazioni installate da htc troviamo Blenkfeed, Zoe (presto disponibile sul Play Store per tutti), Sense TV, Modalità bambino, Calendario. Naturalmente non mancano tutte le Google Apps e applicazioni meteo e altre come Polaris Office.

HTC One M8 (01)

La batteria, non removibile, è da 2600 mAh realizzata con polimeri di litio che hanno una resa migliore rispetto la classica batteria aglio ioni di litio. La durata è in linea con gli altri smartphone e non garantisce di superare la giornata. La durata del primo 50% ha una durata superiore del rimanente 50%, ho notato che dal 100% la batteria arriva intorno al 50% in un tempo più lungo di quanto impiega a passare dal 50% a praticamente a zero.

HTC One M8 (13)

Non so se il problema sia legato ad un errato indicatore della percentuale oppure è un problema della batteria. C’è da dire che la cosa si legge anche dal grafico della durata della batteria che presenta dei cali evidenti della durata da un certo punto in poi.

Per aumentare la durata della batteria si può attivare il tipico Risparmio energetico, che si attiva in automatico arrivati al 15% di carica, oppure attivando la modalità di risparmio estremo che disattiva quasi tutto, anche la grafica cambia, e rimane attivo solo l’essenziale.

HTC afferma che se lo attivassimo dal 100% di carica riusciremmo ad avere uno stand-by di circa 2 settimane, in questo caso però ci ritroveremmo ad utilizzare un normale telefono cellulare e non uno smartphone.

Leggi anche:  HTC U11 Plus, confermata la variante unica dotata di backcover trasparente

HTC One M8 (11)

Connettività.

La connettività è all’altezza del top di gamma di casa HTC con supporto alle reti quadribanda GSM/GPRS/EDGE, quadribanda UMTS/HSPA+ (42Mbps/5.76Mbps) e quadribanda LTE/4G (800/900/1800/2600MHz) in Cat.4 con una velocità massima in download di 150Mbps e 50Mbps in upload. Il One M8 è dotato di Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac dual band, WiFi direct, WiFi hotspot, DLNA, NFC, Bluetooth 4.0 con aptX,  HTC Connect, USB 2.0 con supporto MTP, HDMI via MHL, USB host ed OTG. Presente il GPS/GLONASS, l’accelerometro e i sensori di prossimità, luminosità, giroscopio e barometro. Presente anche la radio FM e uno Smart Sensor hub a basso consumo energetico che oltre a gestire i movimenti per l’attivazione del display, integra anche un contapassi.

Il browser web è praticamente la versione stock di Android con possibilità di attivare la visualizzazione desktop, presente anche Chrome tra le app di Google preinstallate. Buona l’apertura delle pagine, lo zoom in e out e il pan veloce, lento, invece, il rendering della pagina. Immediato il riadattamento della pagina alla dimensione del display.

HTC One M8 (14)

Multimedialità.

Di certo la parte multimediale è una delle più discusse in generale sugli smartphone e in particolare sul One M8. Questo perché con il nuovo top di gamma molti si aspettavano l’introduzione di una fotocamera con almeno 13 MPx per competere alla pari con i diretti concorrenti, basti pensare ai 20MPx sullo Z2 di Sony o ai 16MPx dell’S5 di Samsung.

Invece, la fotocamera è rimasta pressoché la stessa di quella montata sul One M7 con gli stessi “ultrapixel”, ma con in più la seconda fotocamera per quella che HTC definisce Fotocamera Duo.

La Fotocamera Duo è composta da:

  • una Fotocamera principale HTC UltraPixel™ Camera, sensore BSI, dimensione dei pixel 2 um, dimensione sensore 1/3”, f/2, lenti da 28 mm HTC ImageChip 2, registrazione video in Full HD a 1080p con video HDR;
  • una Fotocamera secondaria: cattura informazioni di profondità.

HTC afferma che non occorrono grandi quantità di pixel per realizzare foto di buona qualità e che hanno voluto realizzare una fotocamera che riuscisse a scattare immagini in tutte le condizioni di luce.

Sono diverse le foto che ho scattato con la “Fotocamera Duo” e in diverse condizioni di luce, per verificare quanto affermato da HTC. Purtroppo le immagini realizzate non sono di qualità eccelsa e la “mancanza dei pixel” si nota, certamente meno di quanto non sia in grado di fare il One M7, ma siamo ancora lontani da una qualità ottimale. Il rumore rimane e in particolare in quelle condizioni in cui la fotocamera dovrebbe comportarsi meglio, soffre decisamente.

In condizioni di scarsa luminosità non solo l’immagine è rumorosa, ma genera diversi tipi di luminosità scattando più foto allo stesso soggetto e nel medesimo istante. Molto probabilmente il sensore che regola la luminosità andrebbe aggiornato o migliorato con il prossimo device.

[alpine-phototile-for-picasa-and-google-plus src=”user_album” uid=”110848107923548095330″ ualb=”6003245540618412401″ imgl=”fancybox” style=”gallery” row=”4″ grwidth=”800″ grheight=”600″ size=”320″ num=”21″ align=”center” max=”100″]

Ben fatto il layout della fotocamera che offre diverse possibilità per quanto riguarda le variazioni delle modalità da quella automatica al bilanciamento del bianco, ISO, esposizione ecc.

HTC One M8 (10)

Dalle impostazioni è possibile scegliere se utilizzare la fotocamera, la videocamera, la doppia fotocamera per scattare foto in foto o video in video, attivare Zoe oppure scattare una foto panoramica a 360°.

HTC One M8 (7)

Le macro sono eccellenti anche se i colori sono molto carichi, quasi irreali, buoni i video realizzabili in FullHD con un ottimo audio. La seconda fotocamera consente di applicare effetti come UFocus, Primo Piano, Stagioni, Dimension Plus e Copia/incolla. Il primo consente di poter mettere a fuoco una parte dell’immagine piuttosto che un’altra;HTC One M8 (17)

il secondo effetto consente di inserire effetti in primo piano come Schizzo, Sfocatura ecc; il terzo immette elementi relativi a una delle quattro stagioni quindi neve, denti di leone o fiori di pesco;

HTC One M8 (18)

il quarto la dimensione dando un effetto 3D all’immagine e, infine, il quinto effetto consente di copiare un volto da una foto in un’altra. Tutti questi effetti sono applicabili solo se le immagini sono realizzate con la Fotocamera Duo.

HTC One M8 (19)

Carino il lettore musicale in stile Play Music di Google. I formati audio supportati in riproduzione sono i più diffusi:.aac, .amr, .ogg, .m4a, .mid, .mp3, .wav, .wma.

HTC One M8 (20)

I formati video supportati in riproduzione sono:.3gp, .3g2, .mp4, .wmv, .avi quindi non tutti i formati possibili per i quali sarà necessario utilizzare un player di terze parti.

Parte telefonica e messaggistica.

Per la parte telefonica segnalo la ricerca rapida in rubrica che restituisce prima i contatti più frequenti e di impostare il blocco dei contatti e di utilizzare una tastiera più grande. Ottima la qualità audio sia tramite la due casse frontali che tramite la capsula auricolare. Molto buona anche la ricezione del segnale cellulare e del WiFi.

HTC One M8 (15)

Per quanto riguarda la messaggistica, oltre ad SMS/MMS e a GMAIL troviamo un  client mail che permette di configurare caselle POP/IMAP, Exchange, GMAIL, Yahoo ed Outlook anche se la configurazione iniziale ha comportato più tempo del solito per impostare manualmente la configurazione. Possibile anche la vista dei messaggi in HTML senza purtroppo la possibilità di effettuare un pinch out per panoramica completa. Con uno swipe verso destra si accede alla vista di account e cartelle; con uno swipe verso sinistra abbiamo, invece, l’accesso a messaggi preferiti e non letti.

La tastiera offre diversi tipi di scelta dalla QWERTY, i numeri non sono in prima funzione, al tastierino 3×4 con T9, con o senza la presenza delle frecce direzionali. Veloce e immediata la scrittura anche con “traccia” (tramite swipe), la dettatura vocale è perfettamente funzionante.

HTC One M8 (16)

Conclusioni.

HTC ha lavorato molto e bene per migliorare il top di gamma dello scorso anno e i risultati si vedono. Interessante la doppia fotocamera posteriore che porta ad avere immagini migliori di quanto non facesse il One M7. Nonostante questo il vero problema del One M8 rimane ancora la fotocamera e, credo, che gli utenti, o la maggior parte di essi, non si accontenti degli “ultrapixel” in dote al dispositivo.

Il comparto video-ludico (video, musica, giochi) possono godere di un audio unico, per uno smartphone, con le doppie casse boomsound che insieme al processore, alla GPU e alla RAM offrono un’esperienza complessiva davvero non comune.

HTC One M8 è un top di gamma con i fiocchi quindi difficile trovare difetti eclatanti, andando a cercare il pelo nell’uovo si può dire che la forma, forse, risulta un po’ troppo allungata e questo si riscontra anche nelle immagini scattate. Poca o nulla la personalizzazione del browser web e blinfeed non lo trovo così indispensabile (gusto personale), poi, ancora una volta, c’è stato il passo falso con la fotocamera. Con la batteria avrebbero dovuto osare di più, ma è probabile che il problema sia legato anche alla quantità di spazio disponibile.

Per il resto non c’è che dire una velocità e fluidità impeccabili, così come avevamo già visto sul predecessore, un display eccezionale, nemmeno paragonabile a quello dell’M7, e la possibilità di poter utilizzare una microSD esterna è stata una scelta quanto mai azzeccata.

HTC ONE M8 a 609€ su Globalworkmobile