e-VTOL

Le auto e i camion elettrici stanno diventando sempre più popolari, ma quando sarà il turno degli aerei? Sono già molti i progetti ambiziosi per la costruzione di aeroplani a propulsione elettrica, inclusi jet e velivoli in grado di coprire distanze maggiori.

Una sfida chiave nella costruzione di aerei elettrici riguarda la quantità di energia che può essere immagazzinata. Sebbene le migliori batterie immagazzinano circa 40 volte meno energia per unità rispetto al carburante per aerei, bisognerebbe comunque aumentarne il numero. In definitiva, per un dato peso, il carburante per aerei contiene circa 14 volte più energia utilizzabile di una batteria agli ioni di litio all’avanguardia.

Ciò rende le batterie relativamente pesanti per l’aviazione. Le compagnie aeree sono già preoccupate per il peso, e impongono tasse sui bagagli in parte per limitare la quantità di peso che devono trasportare. I veicoli stradali possono gestire batterie più pesanti, ma ci sono problemi simili.

Le batterie dovranno diventare più economiche prima che abbia senso dal punto di vista economico. Sembra probabile che ciò accada entro i prossimi anni.

Accontentiamoci di un e-VTOL

A differenza degli aerei per passeggeri, stanno già entrando in uso droni alimentati a batteria che trasportano pacchi personali su brevi distanze. Ma il trasporto di persone e bagagli richiede un’energia 10 volte superiore, o anche di più.

E’ stato esaminato la quantità di energia necessaria a un piccolo velivolo alimentato a batteria in grado di decollare e atterrare verticalmente. Questi velivoli vengono chiamati e-VTOL e sono in genere progettati per decollare verso l’alto come elicotteri, e passano alla modalità aereo ruotando le eliche o le ali durante il volo. Potrebbero essere un modo efficiente ed economico per spostarsi nelle aree urbane trafficate, evitando le strade intasate.

FONTEsmithsonianmag
Articolo precedenteEcco alcuni semplici esempi che ti faranno capire la differenza tra corrente alternata e continua
Articolo successivoTrasformatori a bassa, media e alta tensione, ecco cosa sono e perchè sono indispensabili
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it