SIM Swap, la truffa che fa tremare i conti correnti e i dati sensibili degli utentiUna truffa sta mietendo sempre più vittime nel mondo della telefonia mobile, si tratta del cosiddetto fenomeno del SIM Swap, un qualcosa che si discosta dal classico phishing, ma che allo stesso tempo può causare non pochi grattacapi all’utente finale.

Tutto ha inizio con la raccolta di informazioni sulla vittima da parte dei malviventi, per questo spulciano il web per scoprire il più possibile dai vari social network e similari; il consiglio che vi diamo è di condividere il meno possibile in rete, qualsiasi sito può essere facilmente “bucato” da un hacker.

codici sconto Amazon sono la via più breve per risparmiare su ogni acquisto, potete averli gratis solo sul nostro canale Telegram, iscrivendovi qui.

 

SIM Swap, come funziona la truffa

Compiuto il primo step, i malviventi provvedono ad inviare una richiesta di sostituzione SIM all’operatore telefonico di riferimento, il quale a sua volta chiederà dati personali per verificare l’identità, con la pronta risposta sulla base di ciò che effettivamente hanno raccolto in rete. Nel momento in cui dovessero entrare in possesso del numero di telefono, il prossimo passo sarà l’accesso al conto corrente bancario.

Avete capito bene, infatti potranno ricevere i messaggi di accesso dalla banca, l’autorizzazione che ricevete via SMS, proprio perché possono leggere e ricevere tutti i vostri messaggi.

A conti fatti pare essere una truffa difficile da combattere, l’unica cosa da fare è evitare di condividere informazioni in rete, tenerne il più possibile per sé stessi, in modo da impedire a chiunque di scoprirle e di conseguenza di utilizzarle per scopi malevoli.

Articolo precedentePrime Video, il servizio è ora gratis: le due offerte da considerare
Articolo successivoAmazon regala codici sconto e coupon, i prezzi sono quasi gratis
Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.