Gli scienziati hanno scoperto dei batteri in grado di stimolare

Un nuovo studio condotto dall’Università della Pennsylvania ha scoperto che alcune specie di batteri che vivono nell’intestino attivano i nervi nell’intestino che promuovono il desiderio di impegnarsi nell’attività fisica. Attraverso una serie di esperimenti controllati, gli esperti hanno identificato il percorso dall’intestino al cervello che spiega perché alcuni batteri aumentano le prestazioni fisiche.

Registrando le sequenze del genoma, le specie batteriche intestinali, i metaboliti del flusso sanguigno e altri dati per un gran numero di topi di laboratorio geneticamente diversi, gli scienziati hanno scoperto che le differenze nelle prestazioni di corsa erano in gran parte causate dalla presenza di alcune specie batteriche intestinali, in particolare Eubacterium rectale e Coprococcus eutactus. Questi effetti sembrano essere innescati da piccole molecole chiamate metaboliti prodotte dai batteri, che stimolano i nervi sensoriali nell’intestino per aumentare l’attività in una regione del cervello che controlla la motivazione durante l’esercizio.

Basta stimolare la produzione di questi batteri

I ricercatori hanno analizzato i dati raccolti utilizzando algoritmi di apprendimento automatico per identificare gli attributi dei topi che potrebbero spiegare al meglio le significative differenze interindividuali degli animali durante la corsa. L’indagine ha rivelato che la genetica rappresentava solo una parte sorprendentemente piccola di queste differenze di prestazioni, mentre le differenze nelle popolazioni batteriche intestinali sembravano svolgere un ruolo molto più importante. In effetti, hanno notato che dare ai topi antibiotici ad ampio spettro per annientare i loro batteri intestinali riduceva della metà le loro prestazioni.

Tra la vasta popolazione di batteri intestinali, spiccano due specie: Eubacterium rectale e Coprococcus eutactus, che producono entrambi metaboliti noti come ammine degli acidi grassi (FAA) che stimolano i recettori endocannabinoidi CB1 sui nervi sensoriali incorporati nell’intestino che collegano il cervello attraverso la colonna vertebrale. La stimolazione di questi recettori provoca un aumento dei livelli di dopamina durante l’esercizio, in un’area del cervello chiamata striato ventrale, un nodo critico nella rete di ricompensa e motivazione del cervello.

FONTEearth
Articolo precedenteI giocatori dell’Inter sono dei veri e propri Nerd! Ecco a cosa giocano
Articolo successivoBonus, in arrivo un nuovo bonifico dal valore di 150 euro
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it