trans am pontiacNonostante si tratti di un modello degli anni Ottanta, non ha nulla da invidiare alle supercar odierne. La Pontiac della Trans Am è un auto che ha fatto la storia del settore automobilistico e che ha estimatori da tutto il mondo. Rimettere quest’auto a nuovo può farvi dimenticare i modelli super-tecnologici che sfrecciano oggi sulle strade.

 

Trans AM e le sue auto della Casa statunitense

Le auto di cui parliamo fanno parte di una Casa automobilistica statunitense che nasce dal gruppo General Motors nel 1926. Il 20esimo secolo è stato molto prolifico per questo gruppo, che però ha chiuso i battenti 12 anni fa. Il nome dell’azienda deriva da un Capo indiano del 1763. Inizialmente, la sede iniziale fu nel Michigan, dove venne fondata, ma poi il suo mercato si espanse praticamente in tutte le Americhe.

Tra le auto che fanno parte di questa Casa automobilistica ce ne sono alcune che sono davvero eccezionali, come la GTO, realizzata negli anni tra il 1964 e il 1974; la Astre, tra il 1971 al 1977 e in competizione con il Maggiolino Volkswagen; la Firebird, dal 1969 al 2002, suddivisa in 4 generazioni; in fine, la Solstice, prodotta dal 2005 e erede dell’ultima.

Pontiac Trans Am di terza generazione rimessa a nuovo

Si parla parecchio di un miglioramento di stile e di prestazioni rispetto alle auto precedenti, dopo che i costruttori realizzarono quella di terza generazione. È girato un video sul web di recente dove c’era una Trans AM molto sporca e rimessa praticamente a nuovo dopo averla lavata.

Il proprietario è stato l’unico a guidarla e ha anche la fattura di vendita originale. Si tratta di un archetipo del 1982, con trasmissione manuale e ha un prezzo di 26 mila euro. Si può trovare su Autoevolution.com, sito sul quale si può vedere il momento in cui viene messa a nuovo.

Articolo precedenteHonor Tablet 8 sta per arrivare: ecco le presunte specifiche
Articolo successivoTwitter ha rilasciato un nuovo strumento ‘Unmentioning’, già disponibile
Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.