smartphone

In casa abbiamo tutti uno smartphone che ormai non utilizziamo più e consideriamo un soprammobile. Possiamo però farlo diventare un nostro ottimo alleato trasformandolo in una telecamera di sorveglianza. Non ci vorranno conoscenze informatiche particolari per fare ciò, basterà una discreta fotocamera, una torcia e un Wi-Fi dove connettersi. Nessuno si insospettirebbe mai di un comune smartphone lasciato in un qualsiasi angolo della casa.

 

Smartphone per videosorveglianza: l’app migliore e come utilizzarla

La prima cosa da fare è scaricare un’app e quella che vi consigliamo è Alfred Camera, poiché è l’unica gratuita che offre tante funzioni come quelle originali ed è disponibile per iOS e Android. Dopo averla scaricata, farà da centralina sul telefono principale e sugli altri che utilizzeremo come telecamere. Per aggiungere altri telefoni, basterà scrivere Aggiungi telecamera dalla prima schermata o inserire username e password anche negli altri smartphone. Non bisogna andare troppo oltre, essendo che la versione gratuita può supportare un massimo di due dispositivi alla volta.

Arrivati a questo punto, dovremo posizionare gli smartphone nei punti che vogliamo sorvegliare, l’importante è che abbiano sempre Wi-Fi e alimentazione al servizio, così da funzionare anche all’esterno. Ora, andiamo nelle Impostazioni e decidiamo se attivare la rilevazione del movimento. E’ una funzione quasi fondamentale perché ci invia una notifica quando qualcosa si muove e avvia la registrazione automatica. Se, ad esempio, abbiamo animali in casa, possiamo evitare che arrivi continuamente una notifica regolando la sensibilità dei movimenti. Può essere anche un baby monitor all’occorrenza.

Dal nostro smartphone principale possiamo vedere in tempo reale cosa sta succedendo e rivedere le registrazioni (andare sul tasto Event), switchando tra fotocamera posteriore e anteriore a nostro piacimento. Inoltre, possiamo anche utilizzare il microfono per parlare, funzione utile soprattutto con bambini piccoli.

 

Versione Gratis o a pagamento?

Nonostante ci sano delle limitazioni dovute a pubblicità continue, Alfred Camera nella sua prova gratuita effettua registrazioni discrete e le mantiene nell’archivio per una settimana. Se abbiamo intenzione di spendere 4,99 al mese (o 2,49 con l’abbonamento annuale), possiamo dire di avere un sistema di sorveglianza molto simile a quelli tradizionali, con immagini in HD, possibilità di zoom, registrazioni in archivio per 30 giorni e nessuna pubblicità fastidiosa.

Christian Savino
Christian, 24 anni. Appassionato di tecnologia e musica da sempre. Autore per TecnoAndroid dal 2019.