lidlUna vicenda intricata e complicata sta coinvolgendo in questo periodo il comune di Lecce Lidl, il colosso tedesco con centinaia di punti vendita dislocati in tutta Europa, ma che allo stesso tempo affonda le radici nel lontano 2015.

La location, come avete potuto capire, è Lecce, più precisamente l’area di viale della Libertà, ove avrebbe dovuto sorgere un punto vendita Lidl. Era il 2015, quando Discoverde, concessionaria della suddetta area, presentò un ricorso al comune per la cessione Lidl; l’allora dirigente Gino Maniglio (appartenente alla giunta Perrone), firmò un parere di compatibilità, con i progetti presentati dall’azienda. Questi, tuttavia, non si dimostrò essere sufficiente per superare la verifica amministrativa.

Scoprite in esclusiva quali sono le nuove offerte Amazon, e ricevete codici sconto gratis, iscrivendovi subito a questo canale Telegram.

 

Lidl: che brutta notizia per il comune di Lecce

Il botta e risposta a suon di sentenze e ricorsi si è protratto fino al 2019, quando l’allora giunta Salvemini, fu costretta a revocare la concessione ed abbattere l’immobile, in seguito alla sentenza del Consiglio di Stato. Dal canto suo Lidl ha deciso di non mollare la presa, in quanto ritiene di aver sempre operato seguendo l’autorizzazione, che lo stesso comune concesse all’epoca.

In questi giorni il Primo Cittadino ha comunicato nel consiglio comunale i propri timori, nell’attesa della sentenza del giudice civile, il rischio è di ricevere una richiesta di risarcimento pari all’investimento che Lidl attuò nell’area, ovvero tra 3 e 9 milioni di euro. Se dovesse essere confermata, sarebbe davvero una brutta notizia per il Comune, sopratutto per le casse.

Avatar
Laureato in ingegneria informatica nel lontano 2013, da sempre appassionato di scrittura e tecnologia sono riuscito a convogliare in un'unica professione le mie due più grandi passioni grazie a TecnoAndroid.