stazione internazionale spaziale russia ucraina

Il Consiglio dell’Agenzia spaziale europea (ESA) si riunirà mercoledì e giovedì (16 e 17 marzo) a Parigi per la sua 306a sessione.

La situazione riguarda la continua invasione russa verso l’Ucraina, che potrebbe finire per avere un impatto significativo sui voli spaziali e sull’esplorazione, data l’importanza e le partnership della Russia in quei campi.

Deploriamo le vittime umane e le tragiche conseguenze della guerra in Ucraina“, hanno affermato i funzionari dell’ESA in una dichiarazione il 28 febbraio, quattro giorni dopo l’inizio dell’invasione. “Diamo la priorità assoluta a prendere decisioni adeguate, non solo per il bene della nostra forza lavoro coinvolta nei programmi, ma nel pieno rispetto dei nostri valori europei, che hanno sempre plasmato in modo fondamentale il nostro approccio alla cooperazione internazionale”.

Inoltre, l’ESA ha spiegato che stava attuando pienamente le sanzioni imposte alla Russia dagli Stati membri dell’organizzazione.

L’ESA ha 22 Stati membri. Sono: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito Regno. Slovenia, Lettonia e Lituania sono “membri associati”.

Stiamo valutando le conseguenze su ciascuno dei nostri programmi in corso condotti in collaborazione con l’agenzia spaziale statale russa, Roscosmos” e con la NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale, ha aggiunto la dichiarazione del 28 febbraio.

Nuovi lanci previsti saranno annullati

I funzionari dell’ESA hanno anche notato che Roscosmos aveva annunciato che interromperà i lanci di razzi Soyuz di fabbricazione russa dallo spazioporto europeo di Kourou, nella Guyana francese.

“Di conseguenza valuteremo per ogni carico utile istituzionale europeo sotto la nostra responsabilità il servizio di lancio appropriato basato in particolare sui sistemi di lancio attualmente in funzione e sui prossimi lanciatori Vega-C e Ariane-6“, hanno affermato i funzionari dell’ESA nella dichiarazione del 28 febbraio, riferendosi a nuovi razzi europei che dovrebbero debuttare presto.

Un altro importante punto interrogativo riguarda il progetto congiunto ESA/Roscosmos ExoMars, che mirava a lanciare un rover Marte in cima a un razzo russo Proton dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan questo autunno. Date le sanzioni e il contesto più ampio, tuttavia, l’ESA ha affermato che un lancio del rover nel 2022 è “molto improbabile“.

Le finestre di lancio per le missioni su Marte si verificano solo una volta ogni 26 mesi, quindi mancare la finestra successiva spingerebbe il decollo del rover ExoMars almeno alla fine del 2024.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it