Un raro diamante nero da 555,55 carati proveniente dallo spazio è in vendita all’asta per milioni di sterline.

Si pensa che “The Enigma“, nome di questa pietra preziosa, abbia origine da un impatto di un meteorite o di un “asteroide contenente diamanti che ha colpito il pianeta”. Oltre alla sua caratura specifica, contiene anche esattamente 55 sfaccettature.

I diamanti neri, noti anche come diamanti Carbonado, possono essere datati fino a 3,8 miliardi di anni. Si trovano in depositi alluvionali, sedimentari, vicino o sulla superficie terrestre. I diamanti hanno tradizionalmente raggiunto i loro costosi cartellini del prezzo per la loro trasparenza. Tuttavia, la rarità dei diamanti neri li rende più attraenti e alcuni designer stanno trattando le rocce per ottenere tonalità così scure.

Sotheby’s, che sta vendendo il diamante nero trovato, afferma che accetterà solo criptovaluta come pagamento. L’amministratore delegato della casa d’aste, Charles Stewart, ha affermato che gli NFT e le criptovalute hanno “implicazioni e opportunità a lungo termine” nel mercato dell’arte.

Diamante nero che ha origini nello spazio messo ufficialmente in vendita

“Quello che penso sia davvero più interessante, pervasivo e potente, è l’idea dell’autenticazione della blockchain“, ha continuato. “Ciò ha potenzialmente implicazioni per l’arte fisica così come per l’arte digitale. Penso che, indipendentemente dagli alti e bassi dei mercati primario e secondario in senso monetario, questa categoria continuerà a crescere e svilupparsi negli anni a venire”.

Tuttavia, molti altri nel mondo dell’arte hanno evitato le criptovalute. Il banchiere d’affari belga Alain Servais ha acquisito opere di artisti digitali, ma critica gli NFT per i loro “enormi problemi di copyright irrisolti e minacce alla sicurezza”. Anche il conio di NFT e l’estrazione dell’enorme quantità di criptovaluta necessaria per acquistare diamanti hanno un impatto estremamente negativo sull’ambiente.

L’analisi del mese dell’Università di Cambridge suggerisce che il mining del Bitcoin utilizza più di 121 TWh all’anno, il che lo classificherebbe tra i primi 30 consumatori di elettricità al mondo se fosse un paese.

Avatar
Procrastinatrice cronica e allo stesso tempo perfezionista. Innamorata perdutamente delle scienze umanistiche. Nel 2017 ho iniziato a lavorare per Tecnoandroid, riscoprendo e consolidando anche la passione per la tecnologia.