aumenti benzina e gas

La crisi energetica in Europa mostra pochi segni di allentamento. I mercati del gas naturale, la radice del problema, rimangono incerti perché le forniture sono scarse e i commercianti dubitano che il continente abbia abbastanza carburante immagazzinato per durare un freddo inverno senza interruzioni. Anche la domanda di benzina sta salendo, e l’Europa sta cercando in tutti i modi di arginare il problema.

Anche l’accumulo di truppe russe al confine con l’Ucraina, attraverso il quale il gas russo scorre verso l’Occidente, ha aumentato le preoccupazioni sull’esaurimento del gas. Già negli ultimi mesi i bassi volumi di gas dalla Russia, la principale fonte di importazione del carburante in Europa, hanno contribuito ad aumentare i prezzi.

Esiste il rischio di carenze di approvvigionamento che potrebbero erodere la crescita economica e innescare discordia pubblica“, ha affermato Henning Gloystein, direttore per l’energia e il clima presso Eurasia Group, una società di rischio politico, aggiungendo che i blackout sono possibili nello scenario peggiore. Il signor Gloystein ha affermato che se la situazione dovesse peggiorare, i governi potrebbero ordinare alle fabbriche di ridurre il consumo di gas per garantire che le famiglie abbiano abbastanza per riscaldarsi.

Cosa sta succedendo

Martedì, il gas nell’hub commerciale TTF nei Paesi Bassi ha raggiunto un livello record di circa $ 60 per milione di unità termiche britanniche secondo le notizie secondo cui i flussi in un gasdotto che porta il gas russo in Germania sarebbero stati riportati a est. (I prezzi del gas in Europa sono raddoppiati questo mese e sono circa 15 volte quelli per cui il gas viene venduto negli Stati Uniti.)

Gloystein ha affermato che questo cambio di direzione potrebbe riflettere un’attività commerciale opportunistica piuttosto che le manovre sinistre di Mosca, ma resta il fatto che i mercati del gas naturale in Europa sono pronti a salire alla minima provocazione.

Le tensioni tra la Russia e l’Occidente sull’Ucraina rendono molto improbabile che il gigantesco gasdotto Nord Stream 2 dalla Russia alla Germania si apra presto e porti sollievo.

Gas in continuo aumento

In una telefonata con i giornalisti martedì, Karen Donfried, assistente segretario di Stato per gli affari europei ed eurasiatici, ha affermato che Washington considerava il Nord Stream 2 “un progetto geopolitico russo che mina la sicurezza energetica e la sicurezza nazionale di una parte significativa dell’Europa. Comunità atlantica”.

“Il mercato sa che c’è più L.N.G. in arrivo”, ha affermato Laura Page, analista di Kpler, una società di ricerca. “Ma non sembra avere alcun impatto sul sentimento“. Poiché il gas è un combustibile fondamentale per la generazione di elettricità, anche i prezzi dell’energia elettrica sono in aumento in tutta Europa. In Gran Bretagna, ad esempio, martedì l’energia elettrica è stata scambiata per circa 340 sterline, circa 450, per megawattora, una metrica all’ingrosso, sulla borsa Epex Spot. È circa tre volte il prezzo medio dell’elettricità nel corso dell’anno.

Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it