ebay

A gennaio, i rivenditori di scarpe da ginnastica dovranno pagare una nuova commissione per vendere le loro scarpe su eBay.

La nuova commissione, che entrerà in vigore il 19 gennaio, sottopone tutte le scarpe da ginnastica da uomo e da donna vendute a 100 euro o più a una “commissione sul valore finale” dell’8% o del 7% per gli abbonati al negozio. Altre tariffe, come le tariffe di inserzione, le inserzioni promosse, gli aggiornamenti delle inserzioni e le tariffe di abbonamento al negozio, non cambieranno.

“Mentre continuiamo a investire nella nostra piattaforma, stiamo apportando modifiche alle commissioni sul valore finale per le scarpe da ginnastica da uomo e da donna elencate nella categoria delle scarpe da ginnastica“, ha scritto eBay in una pagina delle domande frequenti che annuncia la modifica della commissione. “Questo investimento ci consentirà di continuare a portare nuove funzionalità e servizi, come Authenticity Guarantee e 3D true view, che guidano la fiducia e la trasparenza nelle categorie delle sneakers“.

Ecco cosa cambia da prima

La nuova commissione annulla una mossa di dicembre 2019 da eBay per eliminare le commissioni del venditore per tutte le scarpe da ginnastica con un prezzo superiore a 100 euro in Nord America. All’epoca, l’eliminazione di tali commissioni era vista come una mossa per aiutare eBay a conquistare i rivenditori in un mercato ricco di molteplici opzioni di mercato che spesso includono commissioni elevate.

Per la nostra comunità di irriducibili sneakerhead, l’eliminazione delle commissioni di vendita consente loro di trasformare i loro calci in più denaro per finanziare acquisti futuri e si traduce in un inventario di scarpe da ginnastica più robusto per gli acquirenti di tutto il mondo“, ha affermato Jeff Chen, capo delle calzature e dell’abbigliamento da uomo di eBay, parlando della decisione in quel momento.

Nonostante la nuova commissione, eBay ha affermato che rimane “il mercato online più competitivo in termini di costi per la rivendita di scarpe da ginnastica tra concorrenti come GOAT, StockX e Stadium Goods”.