donna tesla

Sei donne hanno intentato azioni legali contro Tesla martedì, ognuna accusando la casa automobilistica di non essere riuscita a prevenire e affrontare adeguatamente le “molestie sessuali subite“.

Nelle sei cause separate che sono state depositate presso la Corte Superiore della contea di Alameda in California, cinque ex dipendenti della fabbrica di Fremont e dei centri di assistenza di Tesla, e un lavoratore attuale, hanno affermato che i loro colleghi o supervisori hanno spesso dimostrato comportamenti sessisti, tra cui fischi e commenti osceni sulle donne e, in alcuni casi, ci sono state anche molestie fisiche. Alcune delle donne hanno affermato di aver subito ritorsioni quando hanno segnalato il presunto comportamento.

Tesla e il suo CEO, Elon Musk, non hanno risposto a una richiesta di commento.

Le sei donne e il loro avvocato, David A. Lowe, un partner di Rudy, Exelrod, Zieff & Lowe LLP, affermano che Tesla ha infranto la legge, in particolare il Fair Employment and Housing Act, non riuscendo a prevenire le presunte molestie sessuali e ritorsioni contro alcuni dei dipendenti. Le donne chiedono risarcimento e danni, provvedimenti dichiarativi e ingiuntivi e spese legali.

Ecco cosa e’ successo secondo le donne

Quattro delle donne hanno affermato di aver segnalato episodi di linguaggio dispregiativo o palpeggiamenti verso le impiegate delle risorse umane, mentre le altre due non lo hanno fatto perché hanno affermato che i loro supervisori hanno partecipato alle molestie. Cinque delle donne hanno definito la molestia sessuale “un incubo“. Tutte e sei le donne hanno affermato di non ritenere che Tesla abbia affrontato adeguatamente i problemi, secondo le cause.

Cinque delle donne hanno affermato di aver adottato misure per evitare e scoraggiare le molestie indossando abiti larghi, maglioni o legandosi camicie di flanella intorno alla vita. Eden Mederos, ex lavoratrice di un centro di assistenza Tesla a Los Angeles, ha affermato di aver iniziato a indossare maglioni per lavorare perché i tecnici “cercherebbero di gettare monete” nella maglietta da lavoro fornita da Tesla, che secondo lei era scollata. Un’altra donna della fabbrica di Fremont, Jessica Brooks, ha affermato di aver impilato scatole intorno alla sua postazione di lavoro “per scoraggiare gli uomini dal venire a fischiare e ad osservarla”.

Brooks ha affermato di aver informato le risorse umane, ma ha appreso che il rappresentante era “già consapevole di quanto si era spinta per fermare le molestie“. Secondo la causa, Brooks è stato spostato su un’altra postazione di lavoro poco dopo aver segnalato il problema alle risorse umane.

Quattro delle donne hanno affermato di aver affrontato ritorsioni quando hanno parlato del presunto comportamento o hanno respinto le presunte avance degli uomini.

Alisa Blickman, ex associata di produzione presso la Fremont Factory, ha affermato che il suo supervisore ha minacciato di mandarla in “una delle aree di lavoro meno desiderabili” perche’ “non ricettiva” alle sue avance, che includevano massaggi alla schiena “praticamente ogni giorno che ha lavorato.”