onde gravitazionali

Delle onde gravitazionali create da massicce collisioni cosmiche hanno raggiunto la Terra dopo aver viaggiato attraverso l’universo per miliardi di anni. Gli scienziati hanno rilevato un numero record di one da quando questi eventi cosmici sono stati scoperti per la prima volta nel 2015, secondo una nuova ricerca.

Gli astronomi hanno effettuato 35 nuove rilevazioni di onde gravitazionali, o increspature nello spazio-tempo, tra novembre 2019 e marzo 2020. Le onde cosmiche sono state in gran parte create da coppie di buchi neri che si fondono, ma molte sono nate da rare collisioni tra stelle di neutroni densi e buchi neri.

È un salto da gigante da quando nel 2015 ne furono rilevate solo una manciata.
L’analisi è stata effettuata dal Laser Interferometer Gravitational-Wave Observatory, o LIGO, negli Stati Uniti, e dall’osservatorio per le onde gravitazionali Virgo in Italia. I risultati dell’ultima campagna di osservazione sono stati pubblicati lunedì.

Le onde gravitazionali possono aiutare gli scienziati a comprendere meglio il ciclo vitale delle stelle e perché si trasformano in buchi neri o stelle di neutroni quando muoiono. Queste increspature nello spazio-tempo furono previste per la prima volta da Albert Einstein nel 1916 come parte della sua teoria della relatività generale.

Quest’ultima scoperta è “paragonabile ad uno tsunami” e rappresenta “un importante balzo in avanti nella nostra ricerca per svelare i segreti dell’evoluzione dell’Universo“, ha affermato in una dichiarazione la coautrice dello studio Susan Scott, professore presso l’Australian National University Center for Gravitational Astrophysics.

Le parole degli esperti in merito

Questa è davvero una nuova era per il rilevamento delle onde gravitazionali e la crescente popolazione di scoperte sta rivelando così tante informazioni sulla vita e la morte delle stelle in tutto l’Universo”, ha detto. “Osservare le masse e gli spin dei buchi neri in questi sistemi binari indica come questi sistemi si sono uniti in primo luogo”.

Migliorare la sensibilità dei rivelatori alle onde gravitazionali sta aiutando gli scienziati a rintracciarne più di prima, ha detto Scott. “Un’altra cosa davvero eccitante del costante miglioramento della sensibilità dei rivelatori di onde gravitazionali è che questo metterà in luce nuove fonti da cui provengono, alcune delle quali saranno inaspettate“.

Attualmente, la stella di neutroni più pesante conosciuta ha 2,5 volte la massa del nostro sole e il buco nero più leggero è cinque volte la massa del nostro sole. Migliorare e perfezionare i rilevatori sta anche aiutando gli scienziati ad affrontare questi eventi o identificare ciò che esiste all’interno di questo intervallo è fondamentale.

Una delle collisioni in quest’ultima campagna di osservazione ha portato un enorme buco nero di circa 33 volte la massa del sole con una delle stelle di neutroni di massa più bassa mai trovate, che è circa 1,17 volte la massa del nostro sole.