Facebook Inc. ha perso oltre 8 miliardi di dollari a causa di una norma pro-trasparenza implementata da Apple. A partire dallo scorso aprile, infatti, è attiva su iOS la funzionalità che consente agli utenti di bloccare il tracciamento delle app di terze parti. Dalle impostazioni o dal banner che compare, infatti, ogni utente può scegliere di non consentire ad una determinata app di eseguire il tracking sul proprio dispositivo e sull’utilizzo che ne fa.

Questa nuova opzione costituisce un problema enorme per le aziende come Facebook (che gestisce, come sappiamo, anche Messenger, Instagram e WhatsApp) che utilizzano il tracciamento per personalizzare le inserzioni pubblicitarie. Ma non solo Facebook: la funzionalità ha un peso rilevante anche in altre realtà tra cui Youtube, Snap Inc. (la società del social Snapchat) e Twitter.

Apple introduce la trasparenza per il tracking da parte di App di terzi: duro colpo per Facebook Inc, Youtube, Snap Inc. e Twitter

Nel complesso, i quattro colossi del tech hanno perso introiti per la cifra di 9,85 miliardi di dollari in soli 6 mesi di implementazione del protocollo ATT (App Tracking Transparency) di Apple.

Secondo le stime di Lotame (società che offre tecnologie pubblicitarie), dai conti Facebook emerge che la cifra persa corrisponde al 13,2% delle sue entrate totali: il regno di Zuckerberg vive di inserzioni personalizzate, e questo cambiamento costringerà la società a rivedere profondamente il proprio sistema di advertising per poter rientrare dalle perdite.

Questo implicherà un dispendio di risorse e di tempo affinché si possa porre riparo al danno economico: ci vorranno diversi anni prima di attivare sistemi e piattaforme di nuova generazione che bypassino questo duro stop.

VIAForbes