postepayI clienti di Poste Italiane, e più precisamente gli utenti Postepay, sono costantemente sotto attacco. Sono sempre di più infatti le segnalazioni  per le tentate truffe dei possessori della carta prepagata del nostro servizio di posta nazionale. Le tecniche utilizzate per raggiare gli utenti sono sempre gli stessi ma purtroppo ancora sono in molti a cadere vittima di questi tranelli.

Tra le truffe più diffuse ci sono senza dubbio quelle che sfruttano tecniche come sul phishing, il vishing e lo smishing. Benché sfruttino strumenti diversi, chiamate, sms o email, l’obiettivo è comunque quello di entrare in possesso dei dati sensibili dei proprietari delle carte Postepay. Esistono però delle semplici mosse che permettono di evitare di cadere vittima di queste truffe.

Postepay: come difendersi dalle truffe digitali

 

Questo genere di truffe, che sempre più spesso colpiscono gli utenti di Postepay, fortunatamente può essere riconosciuto ed evitato prestando attenzione ad alcuni particolari. Quando si mette in atto questa truffa l’obiettivo infatti e farsi consegnare i dati personali per poi poter accedere al conto e svuotarlo di tutto il denaro al suo interno.

Il falso operatore che tenterà l’attacco phishing che vi contatterà dunque cercherà in tutti i modi di ottener la vostra fiducia in modo da convincervi a comunicargli questi dati. Va però ricordato un dettaglio importantissimo; nessun operatore è autorizzato a chiedere o trattare i dati personali degli utenti. Se vi viene avanzata la richiesta di qualcuno di questi dati si tratterà quasi sicuramente di una truffa conviene dunque prestare molta attenzione e segnalare l’accaduto alle forze dell’ordine.