blankGoogle ha lanciato Android 4.0 Ice Cream Sandwich quasi dieci anni fa, inaugurando l’interfaccia utente Holo ispirata a Tron. Alcuni dispositivi Android leggendari, tra cui il Moto Droid X, HTC Evo 4G e il Galaxy S originale di Samsung, non hanno mai spiccato rispetto ad altri dispositivi. Se sei ancora in possesso di un dispositivo che supporta Android Gingerbread, presto sarà più difficile che mai utilizzarlo.

A partire dal 27 settembre, qualsiasi dispositivo con Android 2.3.7 Gingerbread o versioni precedenti non sarà più in grado di accedere al rispettivo account Google (fonte: 9to5Google). L’azienda segnala in particolar modo Gmail, YouTube e Maps tra le app destinate a riscontrare dei problemi con l’inserimento delle credenziali. In un’e-mail inviata agli utenti interessati, Google suggerisce di aggiornare il dispositivo ad Android 3.0 o versioni successive. Se stai ancora utilizzando un dispositivo Gingerbread anche come dispositivo secondario, potrebbe essere il momento di rinunciare ad un sistema ormai datato una volta per tutte.

Android Gingerbread: la fine di un’era, presto non sarà più possibile accedere al proprio account Google

Come in tutti gli altri casi simili, il motivo principale per cui utilizzare qualcosa di così vecchio non va bene è la sicurezza. I telefoni Android oltre ad aver acquisito molte nuove funzionalità dal 2011, sono anche molto più sicuri. Dopotutto, le patch di sicurezza mensili sono diventate quasi scontate, qualcosa di impensabile un po’ di anni fa. WhatsApp, ad esempio, ha smesso di supportare Android Gingerbread nel 2020, completamente abbandonato anche da Google Play Services nel 2017.

Sebbene i numeri di distribuzione per Android abbiano cessato di essere di dominio pubblico già un paio di anni fa, Gingerbread era sceso allo 0,3% della quota di mercato nel 2019. È ovvio che da allora il numero sia diminuito ulteriormente. Il numero di utenti interessati è probabilmente limitato ad un piccolo gruppo di collezionisti nella migliore delle ipotesi.