OnePlus, Logo, OPPO, OxygenOS 12

Nelle scorse settimane, i OnePlus 9 e 9 Pro sono finiti nell’occhio del ciclone a causa delle prestazioni falsate su Geekbench. Il produttore, infatti, ha introdotto delle limitazioni hardware sui device che vengono attivate automaticamente in alcuni casi.

Entrando più nel dettaglio, un report di Anandtech ha svelato questa pratica scorretta da parte di OnePlus. Il produttore ha inserito all’interno del sistema operativo una particolare gestione delle applicazioni particolarmente restrittiva.

I device quindi limitano le prestazioni di alcune applicazioni, tra cui alcune delle più diffuse e popolari. Il motivo ufficialmente indicato dal produttore è legato alla volontà di evitare il throttling, ossia il surriscaldamento del processore e il crollo delle prestazioni.

 

OnePlus sta lavorando per risolvere il problema delle limitazioni di prestazioni

Tuttavia, quando si eseguono le applicazioni di benchmark, i device OnePlus possono esprimere la massima potenza senza incorrere in alcuna limitazione. Questa situazione ha lasciato interdetti sia i clienti che la critica mondiale, tanto che Geekbench ha deciso di rimuovere i risultati dei due flagship di OnePlus.

Per arginare questo problema, OnePlus ha confermato che con la prossima versione della OxygenOS verrà introdotta una nuova modalità di utilizzo. Gli utenti potranno attivare questa modalità per sfruttare la massima potenza del device.

L’annuncio è avvenuto durante il debutto di OnePlus Nord 2. Il team di Ricerca e Sviluppo del produttore è al lavoro per sviluppare la feature che arriverà su OxygenOS 12. Inoltre, gli utenti potranno anche attivare la modalità “optimized mode” per una gestione meno aggressiva del SoC. Non resta che attendere maggiori informazioni che certamente non tarderanno ad arrivare.